Home » “L’ho sgozzato per togliergli il futuro”. La confessione del marocchino che ha ucciso Stefano Leo

“L’ho sgozzato per togliergli il futuro”. La confessione del marocchino che ha ucciso Stefano Leo

by Cristina Gauri
8 comments
Said killer stefano leo

Torino, 17 ott – Aveva accoltellato alla gola Stefano Leo la sera il 23 febbraio scorso, nei pressi dei Murazzi del Po, a Torino, e si era dileguato. Un assassinio apparentemente senza motivo quello compiuto da Said Mechaquat, 27 enne di origine marocchina, che il 31 marzo successivo aveva deciso di costituirsi dai carabinieri per confessare l’omicidio.

E dal suo gelido racconto, registrato in 139 minuti e oggi diffuso dal Corriere, emerge tutta la bestialità e la futilità del movente. “Piglio il coltello con la mano sinistra e lo colpisco al collo”, racconta con freddezza l’assassino. “Piglio il coltello con la mano sinistra, faccio un passo veloce vicino a lui, alzandomi tranquillamente dalla panchina, gli passo leggermente davanti e gli do il colpo al collo“, spiegando con dovizia di particolari la tecnica usata per uccidere Leo e le motivazioni del suo atroce gesto. Il marocchino voleva uccidere: “Se l’avessi colpito alla schiena non sarebbe stata la stessa cosa, perché magari buchi il polmone ma lui non muore“. Per essere sicuro di non lasciargli scampo, Said aggiunge: “ho guardato meglio se l’ho colpito bene“. Una volta certo del destino del giovane biellese cammina oltre: “poi niente, l’ho superato”. E conclude: “Poi si è accasciato a terra”.

“Volevo prendere a Torino un ragazzo, giovane quanto me, togliergli tutte le promesse dei figli che avrebbe voluto fare, toglierlo all’amore dei suoi genitori. Quello era il mio intento. E così è stato”. Questo quindi il movente messo a verbale: Said ha colpito il primo ragazzo sorridente che ha incontrato per rubargli il futuro, quello stesso futuro che il marocchino 27enne non si era riuscito a costruire e di cui incolpava la società in cui non era stato capace di integrarsi. Una irrefrenabile sete di vendetta sociale che ha avuto come unico risultato un delitto atroce. Chissà se i suoi avvocati avranno la faccia tosta di chiedere delle attenuanti il prossimo 18 novembre, data di inizio del processo.

Cristina Gauri

You may also like

8 comments

Serena 17 Ottobre 2019 - 5:06

Ma processo di che! Ha confessato, basta, impiccarlo e andasse all’inferno

Reply
Commodo 17 Ottobre 2019 - 5:21

Ce l’ avranno, i suoi avvocati, la FACCIA TOSTA… Ce l’ avranno…!….. Ma a me fa molta piu paura la FACCIA TOSTA (eventuale), dei giudici, quella, (certa!), dei prefetti, dei capi di tutte le POLIZIE che dovrebbero PROTEGGERCI! E incece si preoccupano soltanto di DISARMARCI! Di tutte le MERDE DI POTERE che consentono, anzi! IMPONGONO! Sbarchi, presenza e MANTENIMENTO di questo ESERCITO di SCARAFAGGI sul nostro TERRITORIO! A CASA NOSTRA!!!!!

Reply
ugo 17 Ottobre 2019 - 11:07

Vorrei l’aggravante dell’odio razziale. In caso non venisse applicata, vorrei informazioni pubbliche, chiare e divulgate capillarmente sulle ragioni della disapplicazione.
Scommettiamo che non avrò niente di tutto questo?

Reply
jenablindata 18 Ottobre 2019 - 4:44

prima o dopo capiterà pure,che a qualcuno saltano i nervi e comincia a fare il giustiziere della notte…
e sarà ben meritato,visto lo schifo che fanno queste bestie che si allargano certe della quasi totale impunità….
e lo schifo immondo che fanno le stesse istituzioni che dovrebbero reprimere ferocemente il crimine
e invece di fatto si rendono complici di questi roiti immondi,
trattandoli come persone di riguardo…
invece che feccia da sterminare e schiacciare completamente,fino alla radice.

Reply
Omicidio Stefano Leo, 30 anni di carcere al tunisino che l'ha sgozzato "perché aveva un'aria felice" | Il Primato Nazionale 1 Luglio 2020 - 12:50

[…] si era costituito ai carabinieri 35 giorni dopo aver assassinato Il 33enne Leo. «L’ho ucciso perché era felice. Volevo colpire Torino con un omicidio che facesse scalpore», aveva spiegato agli investigatori. […]

Reply
Sgozzò un giovane italiano perché aveva un’aria felice: condannato a 30 anni il marocchino Said Mechaquat – compravenditacittadina 1 Luglio 2020 - 6:36

[…] costituito ai carabinieri 35 giorni dopo aver assassinato Il 33enne Leo. «L’ho ucciso perché era felice. Volevo colpire Torino con un omicidio che facesse scalpore», aveva spiegato agli […]

Reply
Sgozzò un giovane italiano perché aveva un’aria felice: condannato a 30 anni il marocchino Said Mechaquat - News h24 2 Luglio 2020 - 8:29

[…] costituito ai carabinieri 35 giorni dopo aver assassinato Il 33enne Leo. «L’ho ucciso perché era felice. Volevo colpire Torino con un omicidio che facesse scalpore», aveva spiegato agli […]

Reply

Commenta

Redazione

Chi Siamo

Il Primato Nazionale plurisettimanale online indipendente;

Newsletter

Iscriviti alla newsletter



© Copyright 2023 Il Primato Nazionale – Tutti i diritti riservati

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: