Roma, 3 nov – L’inverno sta arrivando e il governo pensa di erigere una nuova barriera. Stavolta riservata soltanto ai non vaccinati, a cui dovrebbe essere rifilato un lockdown ad hoc. Un’ipotesi al vaglio non celata dal sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, e che segue le orme dell’Austria, dove oltre a un cervellotico green pass è stato sviluppato un piano per “rinchiudere” in casa soltanto chi non si è sottoposto alla vaccinazione anti Covid.



Leggi anche: La trovata dell’Austria: “Lockdown solo per non vaccinati, se situazione peggiora”

“Nuove misure restrittive, con distinzioni”

Dunque anche in Italia, se i contagi dovessero aumentare e al contempo non si dovesse centrare il traguardo del 90% di vaccinati, secondo Costa “le scelte” possibili “non saranno molte: o proseguire con le misure restrittive, imponendole anche a chi si è vaccinato, oppure introdurre delle distinzioni, oppure introdurre degli obblighi vaccinali per alcune categorie”. Ma credo sia giusto fare una distinzione fra chi si è vaccinato e chi non si è vaccinato”, ha dichiarato il sottosegretario alla Salute ai microfoni di Radio anch’io su Rai Radio 1. Di qui il neanche troppo implicito messaggio: il governo è pronto a nuove chiusure soltanto per non vaccinati.

Pregliasco: “Lockdown per non vaccinati? Possibile”

A precisare meglio in concetto, e quindi evocare direttamente il lockdown per non immunizzati, è però oggi il virologo Fabrizio Pregliasco: “Mi sembra un’opzione possibile e interessante che abbassa il livello di rischio nei contatti interumani”, ha detto all’Adnkronos. “Non essendoci un manuale di gestione bisogna fare riferimento ad esempi e soluzioni varie – ha precisato Pregliasco – e questa è una soluzione possibile perché il rischio di infezione nei contatti tra non vaccinati o tra vaccinati e non vaccinati è superiore”.

E ancora: “Ogni contatto interumano è a rischio, ma il contatto con soggetti non vaccinati fa sicuramente salire la probabilità di aumentare la diffusione del contagio”. Dunque secondo il virologo, il lockdown in stile austriaco “tutelerebbe anche gli stessi non vaccinati, più vulnerabili a un’infezione grave in caso di alta circolazione virale”. Nessuno sa dire però come si attuerebbe davvero questo lockdown. A meno che non implichi “semplicemente” un divieto di accesso a locali ed eventi. Altrimenti come si distingue per strada un vaccinato da un non vaccinato?

Alessandro Della Guglia

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. Non mi risulta che i vaccinati siano immuni
    https://www.radioradio.it/2021/08/udine-vaccinati-terapia-intensiva-meluzzi-fine-tornera-regime-controllo/

    quindi non essendo immuni sono veicoli di trasmissione e muoiono pure loro
    https://www.ilsussidiario.net/news/bechis-in-italia-423-morti-covid-vaccinati-con-2-dosi-autorita-minimizzano-ma/2210902/

    e mi permetto pure di ricordare che le discriminazioni quale è quella tra vaccinati e non vacinatisono vietate ex. art. 3 Costituzione
    https://senato.it/istituzione/la-costituzione/principi-fondamentali/articolo-3

    Dobbiamo farvi fallire
    https://massimosconvolto.wordpress.com/2015/06/07/rivoluzione-disarmata/

    per non essere discriminati come non dovrebbe essere a prescindere?

    Contenti voi… iniziate a zappare se volete mangiare 😀

  2. Attento perché sono vicini a darti da mangiare la pilloletta, micro ovetto sintetico ad alto valore nutritivo e capacità espansiva nello stomaco, altro che lasciarti il vero lusso di zappare…

Commenta