Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 4 gen – Un episodio di vandalismo dai contorni decisamente inquietanti. A Lodi, molto probabilmente durante la notte di Capodanno, il presepe allestito nel parco di San Bernardo è stato preso a sassate da ignoti. A subire lo sfregio maggiore è stata la statua di Gesù Bambino, prima colpita da grossi sassi e poi rubata dai vandali. Il primo a segnalare quanto accaduto è stato un residente della zona, dopo aver notato che la raffigurazione di Gesù era scomparsa dal presepe. E’ stato poi lo stesso residente a ritrovare la statua decapitata e abbandonata in un campo non lontano dal parco.

Tutte le statue del presepe erano tra l’altro ben ancorate al terreno con un supporto di metallo, quindi chi ha rubato quella di Gesù Bambino ha dovuto pure strapparla dal terreno. Un’operazione che con tutta evidenza ha richiesto un po’ di tempo, durante il quale nessuno si è accorto di quanto stava succedendo. “Probabilmente l’atto vandalico è avvenuto nella notte di Capodanno. Se l’avessero fatto di giorno qualcuno si sarebbe accorto delle sassate contro il presepe e sarebbe intervenuto”, hanno infatti dichiarato a Il Cittadino i rappresentanti de La Braila, associazione che ha curato l’allestimento del presepe.

Inquietanti vandalismi

“Nella notte di San Silvestro, invece, in mezzo ai botti e alla confusione dei festeggiamenti, scavalcando il cancello, la banda deve aver agito indisturbata. Questa mattina il residente è venuto a consegnarci la statuina e a raccontare quello che aveva visto. Nel presepe, infatti, erano presenti dei sassi e pezzi di marciapiede”, hanno spiegato i rappresentanti dell’associazione. Gli stessi allestitori hanno inoltre specificato che non si tratta neppure del primo caso di questo tipo: “A dicembre del 2016, invece, era sparito un Re Magio e nessuno l’ha più ritrovato. Il presepe risale al 2008. Inizialmente, i personaggi, erano sagome bianche, poi i ragazzi del liceo artistico Piazza di Lodi le hanno dipinte e rese più belle. È dal 30 novembre che abbiamo fatto il presepe, non ci voleva un’azione così”.

Alessandro Della Guglia

2 Commenti

Commenta