Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 ago – Plotone schierato e presentat’arm? Macché, troppo antiquato. Meglio lasciarsi andare a un balletto liberatorio, manco fossimo alla baby dance di un villaggio vacanze. È quello che è successo alla Scuola reclute di Taranto della Marina militare, dove i marinai della caserma si sono ritrovati nel piazzale per dar vita a questo siparietto imbarazzante. La comandante del plotone, con tanto di divisa e sciabola da cerimonia, ha fatto partire le note di Jerusalema, costringendo poi il resto della truppa a seguire i passi della danza: uno spettacolo pietoso.

Il balletto diventa virale

C’è però un problema: da un angolo del piazzale, qualcuno ha ripreso l’intera scena in cui i soldati della Marina militare sono impegnati nel balletto della vergogna. Il video, successivamente diffuso sui social, è presto diventato virale, facendo fare una figuraccia colossale alle persone coinvolte. Anche se gli occhi, ovviamente, sono tutti puntati sulla donna che ha aperto le danze. La comandante del plotone, a quanto pare, non ha ben capito che cosa implica il grado da ufficiale che porta.

Tutte le colpe della Marina

Stando a quanto riferito da alcune fonti, il capo di stato maggiore della Marina militare, l’ammiraglio Giuseppe Cavo Dragone, è andato su tutte le furie dopo aver visto il video, e ha pertanto ordinato di aprire subito un’inchiesta, la quale costerà senz’altro a qualcuno diverse sanzioni disciplinari. Eppure, sono proprio gli alti papaveri che hanno le maggiori responsabilità in questa vicenda. Quattro anni fa, del resto, fu la stessa pagina ufficiale della Marina a diffondere un video ridicolo in cui i propri soldati ballavano sulle note di Happy di Pharrell Williams. Quel che è peggio è che quella era addirittura una campagna di arruolamento, che ha quindi veicolato alle potenziali reclute un’idea sbagliata sulla vita da marinaio. Ecco, le reclute di Taranto non hanno fatto altro che mettere in pratica quelle imbarazzanti «linee guida».

Vittoria Fiore

13 Commenti

  1. Brano Gospel Afro-House …. Non bisogna dimenticare che la Marina ha contribuito, attivamente e alacremente, all’invasione dell’Italia durante il governo Renzi. Probabilmente sono rimasti condizionati a tal punto, che hanno deciso d’invogliare ulteriori clandestini a sbarcare sulle nostre coste. Un bel video virale a uso e consumo di negroidi e islamici vari, chissà, forse questo governo delinquenziale starà pensando di naturalizzare qualche immigrato, con l’aiuto di Del Rio, facendolo arruolare in Marina. Nuova speranza per i Clandestini: arrivate in Italia e la Marina vi accoglierà a braccia aperte, vitto, alloggio, uniforme, stipendio, canti e balli della cultura Afro-Islamica! Accorrete numerosi!

  2. temo che quando arruoli un “marinaio” alto poco più di un metro in prima fila sulla sinistra,e un “isdruddore” in mimetica che siccome è “isdruddore” è il primo a dimenare il culetto…

    quella specie di vigile urbano con una sciabola al posto del blocchetto per le multe,che entra in piazza d’armi come una “etoile” di una balera di provincia, siano nell’insieme il perfetto coronamento di una sinistra che ha voluto trasformare le nostre ex FFAA in una specie di ONG con stellette.

    mai in vita mia mi sono vergognato così tanto per interposta persona.

    osceno.pornografico.ributtante.

    “canzone” cabibba compresa.

  3. Ma perché lasciare l’opzione del commento agli articoli se poi li cancellate dopo pochi secondi? È semplicemente ridicolo, lascio questo commento e poi non sprechero’ più tempo a riscrivere e neanche a leggere i vostri articoli .

  4. Tranquilli. L’ufficiale è femmina..chi osa mettersi di traverso e farsi appioppare la qualifica di misogino maschilista e sessista????

  5. Penosi. Penosa l’ufficialetta che apre spudoratamente le danze. E penosi i vertici della Marina che anni fa consentirono il video con la canzonetta in inglese. Gli stessi che per pubblicizzare l’arruolamento non trovarono slogan migliore che “join the Navy” alla faccia dei nostri caduti combattendo contro le vere “Navy” inglesi e americane. Con tali comandanti e con la marina che fa concorrenza alle Ong nel mediterraneo e la ex ministra della difesa che pubblicizzava i matrimoni gay tra marinarette non ci si può meravigliare che la ex gloriosa Marina sia scesa così in basso

  6. Quando vesti la divisa, quando indossi le stellette, tu smetti di essere un singolo per divenire completamente parte di una entitá che si chiama Repubblica Italiana.
    Mi sono formato all’Accademia Navale, mi sono brevettato, ho servito. Per molti anni.
    Cosa é rimasto, in quel video, del “fai il tuo dovere e fallo in silenzio”?

    Provo immensa vergogna per questa indelebile macchia.
    Provo vergogna pensando a come possa essere visti questi marinai agli occhi di chi, prima di loro, ha servito.
    Provo forte imbarazzo per come possono essere visti da tutta l’Italia.

    Provo immensa tristezza se, poi, questo é un segno dei tempi.

  7. È la deriva inarrestabile delle forze disarmate italiane, d’altra parte quando a governare sono i vassalli degli occupanti…..

  8. Tra poco faccio 41 anni di servizio effettivo e vado in pensione. Trovo scandalosa una cosa del genere. Purtroppo queste sono le nuove generazioni. Fessa non solo l’ufficiale donna ma anche tutti i ballerini. Spero in sanzioni severe per tutti e per il responsabile della caserma

  9. Ma mettersi in borghese e fare una prova di ballo non era più facile. Dovevano farlo in divisa???? Bha. Roba da matti. Il mondo ci riderà dietro. Mi piacerebbe sapere che tipo di sanzioni verranno date al Comandante dello schieramento e a tutti i ballerini. Magari il destino ci ha visto bene. Diventerà un gruppo di ballerini che girerà il mondo e diventeranno famosi

  10. Degradare e congedare immediatamente, il giuramento è un momento sacro nel reclutamento, poteva farlo benissimo una volta finita la manifestazione.

Commenta