immigrazione barconeRoma, 22 ago – Approfittando del bel tempo e del mare poco mosso, riprende con impeto la tratta di uomini dalla Libia alla Sicilia. Sono nell’ordine delle migliaia -fra 2mila e 3mila- gli immigrati che stanno per arrivare in Italia in queste ore.

A riferirlo è la Guardia Costiera, che ha ricevuto 18 richieste di aiuto da parte di imbarcazioni alla deriva nel canale di Sicilia. Si tratta di 4 barconi e almeno 14 gommoni.

Dal coordinamento delle operazioni sono così partiti i soccorsi, con le navi Fiorillo e Diciotti della Guardia Costiera, quattro vedette delle capitanerie di porto, un mezzo della Guardia di Finanza, uno della Marina Militare e un natante norvegese presente nell’ambito della missione Triton.

Nel frattempo, alcuni scafisti sono stati arrestati a Palermo. Si tratta di sei egiziani sbarcati giovedì scorso dopo essere stati soccorsi. Dai racconti di chi ha preso parte alla traversata emergono particolari inquietanti: durante la traversata, in una nave che al massimo poteva portare 30 persone ma ne aveva caricate oltre 400, donne e bambini sarebbero stati ammassati nelle stive, chiuse a chiave e riaperte solo dopo il pagamento di un’ulteriore obolo a titolo di “riscatto”.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here