Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 set – “Nello spazio nessuno può sentirti urlare”, ma a scuola sì. Nulla a che vedere con mostri in carne e ossa, ci mancherebbe. Eppure non è affatto piaciuta a molte mamme milanesi l’iniziativa di alcune maestre delle scuole per l’infanzia di Milano che hanno pensato di presentarsi in classe con una “spaventosa” tenuta anti-Covid che evoca la specie aliena del celebre film Alien. Una bufera scatenata da un post di un’educatrice, la quale commentando un post su Facebook del Comune di Milano – che annuncia la riapertura degli asili nella giornata di oggi – ha pubblicato la foto della nuova divisa delle maestre. Un’immagine accompagnata da una didascalia sarcastica: “Noi educatrici ci presenteremo così a bambini di due anni che non ci vedono da 6 mesi: con camici in plastica (modello figurella x dimagrire). Neanche gli infermieri sono così”. E ancora, con una vena evidentemente polemica: “Il lavoro di organizzare la segnaletica fatta da noi, pulire da noi, senza parlare di zero giardino inagibile da 4 anni. Vergognoso, un’organizzazione cosi bassa nn l’ho mai vissuta in 22 anni di servizio”.

La protesta delle mamme

Osservazioni passate quasi inosservate, perché l’attenzione degli utenti è stata inevitabilmente catturata dalla “mostruosa” foto. “Mio figlio scapperà dopo due minuti”, ha scritto una mamma. “Cos’è questa divisa da Csi? Inammissibile”, le ha fatto eco un’altra. E ancora: “Davvero assurdo e senza senso che le maestre si vestano così. Perché trattare i bambini da malati? Per favore ripensateci riguardo i camici non è neanche igienico né sicuro. Fate qualcosa”. Certo, a prescindere dalle motivazioni addotte, è chiaro che una divisa di questo tipo rischi di spaventare un bambino. Di qui le polemiche, per una trovata che mette ancor più in crisi il comune di Milano, alle prese con una serie di proteste sulle modalità organizzative e gli orari di ingresso nelle scuole che già nei giorni scorsi avevano innescato l’ira dei genitori.

Alessandro Della Guglia

1 commento

Commenta