Roma, 25 ott — Il senatore leghista William De Vecchis presenterà un’interrogazione ai Ministri della Difesa e dei Beni culturali per chiarire le circostanze dell’increscioso abbattimento del monumento al Milite Ignoto a Vizzini (Catania).



De Vecchis presenta interrogazione sull’abbattimento Milite Ignoto

Alcuni giorni fa, tra lo sgomento dei vizzinesi, la scultura del Milite Ignoto era stata estratta dalla parete che ospita anche le lastre marmoree con i nomi dei caduti in guerra, mentre una pala meccanica aveva distrutto i gradini in cui per decenni si sono commemorati i soldati. Questo perché secondo il progetto dell’attuale amministrazione guidata dal sindaco Vito Saverio Cortese (centrosinistra), ci sarebbe l’intenzione di spostare la statua bronzea all’interno della Villa Comunale e le lastre marmoree dentro il Palazzo di Città. Un’«intenzione», a cui non ha fatto seguito alcuna determina ufficiale.

Chi era a conoscenza della decisione?

«Presso il Comune di Vizzini è stato abbattuto il Monumento ai Caduti per estrarre la statua del Milite Ignoto dalla parete che ospita le lastre marmoree con i nomi dei caduti in guerra, un’operazione lesiva del patrimonio culturale della città per cui anche l’Associazione SiciliAntica sta formalizzando un esposto in Procura», puntualizza De Vecchis in una nota. «Con l’interrogazione presentata ai Ministri della Difesa e dei Beni culturali chiediamo se fossero a conoscenza di questi fatti e di sapere chi abbia autorizzato una tale operazione, che è andata ad intaccare un monumento simbolicamente importante anche considerando il prossimo centenario del Milite Ignoto».

Nell’interrogazione, pertanto, il senatore De Vecchis chiede di sapere «se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza dei fatti esposti» e «chi ha autorizzato tale operazione così lesiva del patrimonio culturale della città, anche considerando il prossimo anniversario che celebra il centenario del Milite Ignoto» dal momento che «non risultano determinazioni in tal senso». Inoltre, viene reso noto che «l’Associazione SiciliAntica, venuta a conoscenza della distruzione del Monumento ai Caduti del Comune di Vizzini, sta formalizzando un esposto presso la Procura della Repubblica contro questo ulteriore scempio nei confronti del patrimonio culturale della regione».

Cristina Gauri

La tua mail per essere sempre aggiornato

Articolo precedenteIl Social Credit System: ecco come la Cina controlla il popolo
Articolo successivoEcologia e sviluppo economico: così il Gabon punta sul patrimonio boschivo
Classe 1977, nata nella città dei Mille e cresciuta ai piedi della Val Brembana, dell’identità orobica ha preso il meglio e il peggio. Ex musicista elettronica, ha passato metà della sua vita a fare cazzate negli ambienti malsani delle sottoculture, vera scuola di vita da cui è uscita con la consapevolezza che guarire dall’egemonia culturale della sinistra, soprattutto in ambito giovanile, è un dovere morale, e non cessa mai di ricordarlo quando scrive. Ha fatto uscire due dischi cacofonici e prima di diventare giornalista pubblicista è stata social media manager in tempi assai «pionieri» per un noto quotidiano sabaudo. Scrive di tutto quello che la fa arrabbiare, compresi i tic e le idiozie della sua stessa area politica.

Commenta