Roma, 26 ott – Il nubifragio in Sicilia sta ormai raggiungendo livelli di altissima emergenza. E non mancano, purtroppo, le vittime.



Nubifragio Sicilia, province in allerta

Il nubifragio in Sicilia è in corso ormai da qualche giorno. Le province di Ragusa e Messina sono in costante allerta. Secondo il quotidiano locale Il Sicilia, nelle scorse 48 ore è caduto un quantitativo di pioggia solitamente scorso in sei mesi. La causa sarebbe un “Ciclone Mediterraneo che ha preso vita sulla Tunisia e si sta portando progressivamente verso lo Ionio“.

Secondo gli esperti di 3bmeteo.com, “il maltempo ha colpito comunque in modo differente l’Isola a seconda delle zone: picchi pluviometrici eccezionali si sono avuti sull’entroterra catanese, in particolare la zona di Lentini/Scordia, dove tra l’altro si è avuto l’evento alluvionale. In queste aree è caduta in meno di 48 ore la pioggia di 5-6 mesi, praticamente quasi il 50% annuo, con 200-300mm a fronte dei 500-600mm medi annui. Eccezionali anche le punte di 400mm sul versante orientale dell’Etna. Il tutto accompagnato da forti venti di Levante con burrasche sullo Ionio“.

Sicilia, un uomo annegato a Catania

Un uomo è morto a Gravina di Catania annegato nel fiume in piena creato dal nubifragio che da ore si abbatte sul capoluogo etneo e in provincia. Così l’Ansa di oggi pomeriggio sul nubifragio in corso nella Sicilia orientale.

Da quanto emerge dalle prime ricostruzioni, l’uomo, 53 anni, sarebbe uscito da “una vettura invasa dall’acqua e sarebbe stato travolto”. A nulla è valso l’intervento della polizia municipale e dei vigili del fuoco. La situazione a Catania, poi, è particolarmente difficile, come testimoniano i numerosi video in presa diretta pubblicati su YouTube.

La forte pioggia “ha trasformato le strade della città, e in particolare la centralissima via Etnea, in un fiume in piena, e piazza Duomo in un lago. Allagato lo storico mercato della ‘Pescheria’ e invasa anche la fontana da dove emerge per un tratto il fiume sotterraneo Amenano. Ad aggravare la situazione anche l’acqua piovana che si riversa in città dai paesi etnei e arriva copiosa su Catania e un blackout elettrico che interessa il centro storico e che ha interessato anche il Municipio”.

Alberto Celletti

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta