Roma, 28 feb – I «professionisti dell’informazione» ne hanno combinata un’altra delle loro. E lo zampino è sempre quello di Mamma Rai. Dopo che il Tg2 ha spacciato l’immagine di un videogioco per l’attacco russo all’Ucraina, adesso è la volta del Tg1, il regno incontrastato di Monica Maggioni. Onnipresente sul piccolo schermo, l’ex presidente della Rai è infatti incappata in uno scivolone non da poco: ha mostrato ai telespettatori una copertina del Time in cui campeggiava il faccione di Vladimir Putin con i baffetti di Adolf Hitler. Peccato solo che il fotomontaggio sia un falso…

Il «Time», Putin e Hitler

Certo, quello di paragonare i «cattivi» di turno al dittatore tedesco è un malvezzo molto diffuso, e quindi la presunta copertina del Time poteva anche essere verosimile. Ma prima di attribuire al noto settimanale americano l’ennesimo e ritrito accostamento di Putin a Hitler, la rete ammiraglia della Rai avrebbe anche potuto verificare. Del resto, i giornalisti vengono pagati proprio questo. E invece niente: la Maggioni, forse affaticata dalle interminabili maratone in stile Mentana, ha fatto mostrare l’immagine ai telespettatori, peraltro chiedendo un commento a Rino Pellino, corrispondente Rai da Berlino, e dando così il via a un dibattito surreale su una copertina che non esiste.

Ennesimo «epic fail» della Rai

In effetti, il titolo riportato sulla copertina fasulla è quello che uscirà sull’edizione del Time il prossimo 14 marzo: «The Return of History: How Putin shattered Europe’s Dreams», e cioè «Il ritorno della storia: come Putin ha infranto i sogni dell’Europa». Peccato solo che, appunto, il settimanale non abbia mai messo i baffetti di Hitler sotto al naso di Putin. E infatti, viste le numerose segnalazioni giunte in redazione, alla fine la Maggioni ha dovuto capitolare, chiedendo scusa in diretta per l’incredibile gaffe. Ma di questi tempi, con la Annunziata e Di Bella che bullizzano le ucraine, pare che alle figuracce, la Rai, si sia proprio abbonata.

Elena Sempione

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

  1. Peccato solo che il fotomontaggio sia un falso…
    Cosa vuol dire?
    Che a qualcuno sarebbe piaciuto che fosse stato vero ?

Commenta