barcone_ migranti cristianiRoma, 16 apr – Quindici immigrati, sbarcati nei giorni scorsi a Palermo dopo essere stati soccorsi dalle navi della Guardia Costiera, sono stati arrestati ieri dagli uomini della squadra mobile del capoluogo siciliano. L’accusa è quella di aver gettato in mare almeno nove altri profughi che si trovavano a bordo della loro stessa imbarcazione durante la traversata.

Le misure di custodia cautelare sono scattate a seguito delle numerose testimonianze raccolte dalle forze dell’ordine. Secondo le prime ricostruzioni sul gommone sarebbe esplosa una lite, per motivi religiosi, fra profughi cristiani e musulmani. I secondi avrebbero avuto la meglio, scaraventando gli altri fuori bordo. L’accusa formalizzata è quella di omicidio plurimo.

I quindici fermati, fra i quali anche un minorenne, provengono da Mali, Guinea e Costa d’Avorio e sono tutti di fede musulmana. Si trovano ora nel carcere palermitano di Pagliarelli, in attesa che la Procura, coordinata dal procuratore aggiunto Maurizio Scalia, chieda la convalida degli arresti.

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta