Il Primato Nazionale mensile in edicola

Schermata 2016-03-19 alle 10.42.43L’Aquila, 19 mar – Hanno aspettato che la famiglia italiana, regolarmente assegnataria dell’alloggio popolare, si allontanasse. Così dei rom gli hanno occupato casa. Quando i vigili urbani hanno tentato di sgomberare gli abusivi, questi hanno opposto resistenza facendosi scudo con i bambini. E’ la triste storia di una famiglia di Avezzano, provincia dell’Aquila, due coniugi con tre figli che ora si ritrovano in mezzo a una strada. Difficile per Gianni Di Marco, muratore, e per sua moglie collaboratrice domestica, recuperare la propria abitazione, visto che i rom hanno anche montato una nuova porta di ingresso e non sembrano intenzionati ad andarsene. “La nostra casa e tutto ciò che era all’interno (mobili, suppellettili, effetti personali) sono adesso in mano a degli sconosciuti, non abbiamo più niente. È entrata in casa una donna con un bambino e nessuno ha potuto farli uscire. Non sappiamo più dove andare. Stiamo chiedendo ospitalità ad amici e parenti provvisoriamente, ma poi cosa faremo?”, ha spiegato Di Marco a Marsica Live.it. una testata locale.



Una situazione surreale, che come ha spiegato il vice comandante della Polizia locale di Avezzano, Adriano Fedele, intervistato dal Fatto Quotidiano, non rappresenta purtroppo un caso isolato. “La questione sta diventando sempre più seria, soprattutto per l’ordine pubblico, dal momento che gli abusivi nella gran maggioranza dei casi si coalizzano e ci fronteggiano con modalità che vanno ben oltre la soglia della tolleranza. Alla minima manifestazione di fermezza da parte di noi agenti, il gruppo di occupanti si fa scudo di uno o più minori, sempre presenti in scena. E le nostre operazioni si fanno impossibili”. I rom sono esperti di occupazioni abusive, tanto che appena occupano l’immobile si autodenunciano così da far scattare un iter burocratico tale che gli permette di prendere tempo mentre si oppongono allo sgombero con la forza (e l’infamia, mettendo in prima linea i bambini, ndr).

Anche quando con l’aiuto della forza pubblica, dopo estenuanti tentativi si riesce a far uscire i rom di casa, questi rientrano subito dopo, in quello o in un altro appartamento. Al momento la famiglia italiana si trova in un albergo a spese del comune. “Si tratta di un episodio assolutamente deprecabile, che fa venire i brividi. Io e l’amministratore dell’Ater, Francesca Aloisi, abbiamo chiesto al prefetto dell’Aquila la convocazione urgente di un tavolo per la sicurezza e l’ordine pubblico”, ha spiegato il sindaco di Avezzano Giovanni di Pangrazio.

Davide Romano

 

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Siamo ridotti cosi’ male ? Possibile che non si riescano a mettere insieme un centinaio di persone e quattro giovani nerboruti non li buttino a loro volta fuori di casa ? Hanno paura di essere arrestati ? Dovrebbe essere un onore finire in galera per una causa simile. E servirebbe a chiarire da che parte stanno le istituzioni. Fosse per il sottoscritto lo farei anche subito, ma divento vecchio e queste cose le devono fare i giovani. Comunque, nella mia zona sono disponibile. La PS che ha paura degli zingari e’ proprio il colmo.

Commenta