aranzulla aggressioneMilano, 9 mag – Salvatore Aranzulla, noto nel mondo del web per l’omonimo sito in cui spiega passo passo qualsiasi operazione (anche la più banale – c’è la guida su come spegnere l’iPad) su PC, cellulari e strumenti elettronici in genere, è un razzista. O almeno, questa sembra essere l’opinione di migliaia di suoi follower.

Perchè? Semplice. Il povero Aranzulla ha postato su Facebook di come oggi sia fuggito da un tentativo di aggressione da parte da una “persona di colore”. Il post è stato preso di mira e al momento si sono circa 2000 commenti equamente divisi tra derisione e accuse di razzismo per aver sottolineato l’appartenenza etnica dell’aggressore.

Secondo molti infatti Aranzulla non avrebbe dovuto affatto riportare l’episodio per evitare le strumentalizzazioni o limitarsi a indicare l’aggressore più genericamente.

Pare che alcune associazioni antirazziste abbiamo pure sfruttato l’episodio per mostrare come comportarsi in questo caso. In grassetto le aggiunte, barrate le espressioni da eliminare.

Tram 9, Milano. 12:52, pieno giorno. Non che io abbia qualcosa contro la notte. A un paio di fermate dalla Stazione Centrale, una persona di coloreun* uman*, di quelle che salviamo dalla guerraresidenti in zona da poco, fuori di sé a causa del crescente razzismo di questa società, probabilmente ubriacaprovocata da Salvini o sotto effetto di stupefacenti venduti da razzisti, ha iniziato ad urlarmi controa chiedere insistentemente l’ora ed ha cercato di aggredirmiavere uno scambio di opinioni sull’ultimo libro di Evangelisti sul tram 9.

Sono scappato dal tram 9 ed entrato dentro il Palazzo della Regione Lombardia per chiamare il 112 (gentilissimi e rapidi)per esprimere la mia solidarietà ai fratelli migranti. Sono un po’ spaventato, ma sto bene. Ma forse una riflessione più generale va fatta….
P.S. Vorrei chiarire a scanso di equivoci, dopo aver visto alcuni commenti: io sono per accogliere qualsiasi persona di qualunque razza o credo religioso, allo stesso tempo credo che sia nostro diritto andare a spasso per le nostre città senza paura di incorrere in questi inconvenienti. è colpa di CasaPound

Stefano Casagrande

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here