Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 23 set –  Una corpulenta donna rom con la gonna alzata si piega ed espleta le proprie funzioni intestinali contro un muro, per strada, in pieno giorno. Poi, come se niente fosse, si risistema le sottane e senza pulirsi se ne va. Con noncuranza. Il livello di degrado e di bestialità è alle stelle. E’ quanto si può vedere nel video postato ieri su Twitter da Radio Savana, il sito che denuncia gli episodi di criminalità legati al fenomeno dell’immigrazione incontrollata. Il nome della città rimane sconosciuto, ma non importa: succede ogni giorno in qualsiasi città della Penisola, fa parte della triste realtà che pesa ormai ovunque. E non è nemmeno l’aspetto più preoccupante della convivenza forzata con i nomadi. Degrado, roghi tossici, furti, spaccio, sfruttamento minorile, il tutto operato nella pressoché totale impunità: la scena della matrona rom che defeca per strada, insomma, fa da cornice a tutto il resto.

«E’ interesse nazionale affrontare e risolvere la questione dell’integrazione dei Rom e dei Sinti», affermava Laura Boldrini nel 2017. Purtroppo, come si evince da questo filmato e da molti altri episodi, i rom e i sinti non hanno tutta sta voglia di integrarsi con noi. Ma è sicuramente colpa nostra, perché come sosteneva l’allora presidente della Camera, «Purtroppo in Italia c’e’ grande ignoranza sulla storia di questa minoranza che e’ nel nostro Paese da oltre settecento anni». Mentre l’attivista e attrice rom Dijana Pavlovic si diceva allarmata «per questo Paese, da rom sento un clima d’odio pesante». Si domandi anche il perché.

Cristina Gauri 

1 commento

  1. Ma secondo voi la colpa maggiore ce l’ha lei, a cui sta scappando, o chi ha l’obbligo di istituire e fare funzionare i servizi pubblici e non lo ha fatto?

Commenta