Roma, 17 ott – Escano i virologi, entrino gli esperti di cambiamento climatico. Ormai è chiaro che l’Occidente cerchi di sopravvivere tra un’emergenza e l’altra. Ora che la pandemia sembra essere sotto controllo, rispunta l’emergenza climatica tra i titoloni dei giornali e le dichiarazioni allarmate di politici ed esperti climatologi. La transizione ecologica è ormai sul tavolo di ogni governo europeo. Nel giugno del 2022, nell’ambito del Green Deal europeo, il Parlamento Ue ha approvato il progetto Fit for 55 che ha come obiettivo il blocco delle emissioni di CO2, ovvero la neutralità climatica, entro il 2050. A partire dal 2035, non potranno più essere vendute automobili nuove a benzina e diesel. Fino a qualche mese fa, l’emergenza climatica suscitava poco interesse nell’opinione pubblica. Ora, però, anche in vista dei futuri probabili razionamenti energetici e degli attuali aumenti esponenziali delle bollette energetiche, lo scenario sembra evolversi rapidamente. Si è spalancata un’enorme finestra di Overton che favorirà l’accettazione passiva di ogni politica riguardante la riconversione ecologica.

La guerra in Ucraina come “benedizione” per il clima (leggasi transizione ecologica)

L’11 ottobre scorso, è stato presentato lo “State of Climate Services”, il nuovo rapporto dell’Organizzazione meteorologica mondiale delle Nazioni Unite (WMO) sul cambiamento climatico. In quell’occasione, il segretario generale del WMO, Petteri Taalas, ha affermato che la guerra in Ucraina “può essere vista come una benedizione” dal punto di vista climatico perché sta accelerando lo sviluppo e gli investimenti nelle energie verdi a lungo termine. Al momento, i Paesi europei stanno affrontando una profonda crisi energetica emersa in seguito alle sanzioni economiche contro la Russia, tra i maggiori produttori di petrolio e gas naturale. Petteri Taalas ha spiegato che, dopo un periodo iniziale in cui aumenterà l’utilizzo dei combustibili fossili, come il carbone, cresceranno gli investimenti riguardanti le energie rinnovabili e verranno decise soluzioni utili per il risparmio energetico: “La guerra in Ucraina sta accelerando la transizione verde”. Stephane Dujarric, portavoce del segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ha sottolineato che “oltre ai tragici impatti umani, il conflitto evidenzia i costi crescenti della dipendenza mondiale dai combustibili fossili e l’urgente necessità di accelerare il passaggio alle energie rinnovabili, per proteggere le persone e il pianeta”.

Francesca Totolo

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. […] Le dichiarazioni del repubblicano Kevin McCarthy sono abbastanze esplicite. Il leader dei deputati del partito di opposizione, come riporta Agenzia Nova, ha infatti affermato che, qualora il Partito dovesse conquistare la maggioranza del Congresso alle elezioni di medio termine, gli Usa non firmeranno un “assegno in bianco” per l’Ucraina. Il che, senza troppi giri di parole, dovrebbe voler dire che potrebbero tagliare i fondi e gli aiuti militari inviati a Kiev fino ad oggi, nel contesto della guerra contro la Russia. […]

Commenta