Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 ago – Dopo aver lanciato per mesi preoccupatissimi allarmi, profetizzando contagi un po’ ovunque, ora Pierpaolo Sileri appare decisamente più ottimista. Il viceministro della Salute infatti, smentito su tutta la linea su futuri (e presunti) focolai, ha finalmente gettato acqua sul fuoco. Non più apocalissi sanitarie, insomma, ma addirittura stop alle chiusure: «Non ce ne sarà bisogno», ha affermato stamane a Morning News su Canale 5. Del resto, «fra un mese avremo ancora più gente vaccinata, perché dovremmo chiudere?», si chiede il sottosegretario.



«La pandemia sta per finire»

Di più: sposando di fatto la tesi di Zangrillo, Sileri si spinge molto oltre. Secondo il viceministro della Salute, infatti, a breve non dovremo più parlare di pandemia: «Stiamo passando verso una fase di endemia, ovvero la presenza del virus che rimarrà con noi chissà per quanti anni ancora, senza però quei danni che abbiamo vissuto finora». Tanto che, sostiene sempre Sileri, i bollettini dei contagi sono ormai superflui: «Io non sarei molto preoccupato dei contagi che stiamo avendo, perché aumentano di poco le terapie intensive».

Black Brain

Sileri contro il bollettino dei contagi

Perché tutto questo? «Il virus che circola quest’anno è lo stesso dell’anno scorso, ma quello di oggi è mutato e si chiama variante Delta, con una contagiosità di gran lunga superiore ed ecco come si spiegano i numeri», che però, appunto, significano poco o nulla se non rapportati alle cifre dei ricoverati in terapia intensiva. In sostanza, la variante Delta è sì più contagiosa, ma anche meno pericolosa delle precedenti. È per questo che i bollettini dei contagi non hanno più molto senso, ci spiega Sileri. Decisamente più importante è tenere sotto controllo il numero dei malati gravi e dei morti. E, a questo proposito, sarebbe il caso di non conteggiare anche i decessi dell’anno scorso per gonfiare le cifre, come purtroppo è stato erroneamente fatto.

Vittoria Fiore

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Una nuova pandemia ci aspetta a settembre.
    Quella di sempre.
    La colpa sarà data ai non vaccinati.

Commenta