Il Primato Nazionale mensile in edicola

marocchini
Gruppo di marocchini

Roma, 26 lug – Lei, italiana quarantenne con un passato difficile, che voleva vendere un telefonino e un tablet usati per racimolare qualcosa. Lui, trentatreenne marocchino con precedenti penali per spaccio di stupefacenti che – avvicinato dalla donna grazie ad amicizie comuni – si offre per l’acquisto.
Così che il giorno successivo – era la sera di venerdì 24 – convinta dall’uomo si recava presso il suo appartamento in un condominio popolare del quartiere dell’Alessandrino a Roma, per valutare su internet il valore della merce. A quel punto è scattata la trappola: prima il delinquente spacciatore ha costretto la sfortunata quarantenne ad assumere crack e cocaina, quindi, una volta stordita, ne ha abusato sessualmente per ore, arrivando perfino a ustionarla alle gambe con l’acqua bollente quando, in un momento di lucidità, la vittima ha cercato di fuggire.
cc-alessandrino
Pattuglia di Carabinieri a Roma

Nella tragedia, l’unica grande fortuna è stata la presenza di una pattuglia di Carabinieri della compagnia di Frascati, per caso impegnati quella notte in un’operazione antidroga proprio all’altezza della residenza del marocchino, che – alle grida disperate della donna – sono riusciti a liberarla e ad arrestare l’uomo nonostante un breve tentativo di fuga.
Mentre la vittima è stata medicata e dimessa dal Policlinico di Tor Vergata con 20 giorni di prognosi, le accuse per il trentatreenne sono di violenza sessuale, rapina aggravata e resistenza a pubblico ufficiale: non pago della violenza sessuale, il marocchino si era anche impossessato degli oggetti che la donna intendeva vendergli.
Non risultano invece accuse per la detenzione e somministrazione forzata di droghe tra le più devastanti, nonostante il marocchino ne disponesse in abbondanza, se – come pare – le aveva fatte assumere alla sua vittima per facilitarsi la nottata di ordinaria violenza.
Francesco Meneguzzo

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Questo uomo di merda dovrebbero torturarlo e strappargli le palle.
    E poi rispedirlo al suo paese, così senza coglioni.

Commenta