P7210014Bergamo, 25 lug – Non sembra esserci pace per il bar del bergamasco “Colazione da Tiffany”, giornalisticamente ribattezzato “Bar del Fascio” viste le simpatie che il gestore del ritrovo non teme di mostrare.
Nella giornata di oggi, appartenenti a centri sociali del capoluogo orobico si sono presentati nel bar di Vinicio Morzenti, aggredendo e minacciando sua moglie. Secondo quanto riportato dal titolare, i militanti antifascisti avrebbero sputato addosso alla donna, promettendo di “prenderla a cinghiate”. L’assalto è terminato solo quando lo stesso Morzenti -che sostava appena fuori dal locale- appena sentite le grida della compagna è intervenuto in suo aiuto, disperdendo gli aggressori.
LEGGI ANCHEParla il barista fascista di Bergamo: “Fiero dei miei gadget” 
“Trovo estremamente vile -afferma Morzenti- aggredire una donna inerme che nutre interessi nei confronti della destra sociale italiana”. “Sono metodi -conclude- vigliacchi e in stile mafioso“.
Roberto Derta



La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. proprio “coraggiosi ed educati”i nel manifestare il loro “democratico” dissenso , capaci di fare i gradassi in gruppo contro una donna sola ,degni eredi dei loro nonni partigiani che alternano le pippate di marjuana al centro sociale con lo sfogare il loro essere inutili alla società.

  2. Codardi nati, questi sono gli antifascisti dei centri delinquenziali, codardi dediti alla droga, ladri come unico lavoro, parassiti della società, questo è il motivo che sono antifascisti, per avere la tutela delle istituzione, e dei compagni magistrati. VIGLIACCHI!!!

  3. PS. Io e altri quattro amici, siamo disposti ad incontrare questi codardi, e di batterci ad armi pari. Ma ho i miei dubbi che accetteranno.

  4. Questi personaggi sono sempre stati così, non cambieranno mai, fino a quando non cominceremo a dargli tante botte! La storia insegna che non si può trattare con quelli dei centri (a)sociali.

Commenta