jihad

Bolzano, 13 nov – Merano crocevia di jihadisti. Nella giornata di ieri un imponente operazione antiterrorismo dei Carabinieri del Ros ha consentito di arrestare (in Italia e in altri paesi europei) 17 persone indagate per terrorismo tra cui spicca il mullah Krekar, ritenuto estremamente vicino all’Isis.

Krekar, dalle prime informazioni fornite dai Carabinieri, era a capo dell’organizzazione smantellata dal Ros e già fondatore, nel 2001, del gruppo terroristico Ansar Al-Islam. L’uomo, detenuto in Norvegia, dal carcere continuava ad essere la guida ideologia e strategica dell’organizzazione con diramazioni in tutta Europa, Italia compresa.

A Merano è stato arrestato Abdul Rahman Nauroz. Si tratta di un terrorista particolarmente attivo nell’attività di reclutamento. Nella città del Passirio teneva lezioni e riunioni segrete, tanto che il suo appartamento era diventato un vero e proprio crocevia di aspiranti jihadisti. Il capoluogo del Burgraviato era diventato, a detta degli investigatori, un vero “crocevia di aspiranti jihadisti“.

Lo scopo di Abdul Rahman Nauroz, sottolineano i carabinieri, era quello di convincere i suoi allievi a

 

partecipare ad azioni armate di guerra o terroristiche pianificate come suicide. Tra i 17 arrestati, in 4 vivevano a Merano, due a Bolzano e uno in un paese vicino al capoluogo.

“Il progetto degli arrestati prevedeva la possibilità di fare attentati in Medio oriente e anche in nord Europa, ma non in Italia”, ha spiegato Giuseppe Governale, comandante del Ros.

Mirco Minisini

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here