Torino, 3 giu — Scene da favelas nel quartiere Aurora di Torino, dove sabato pomeriggio un magrebino, brandendo un machete, ha rincorso un altro straniero seminando il terrore tra i presenti. Immigrati dotati delle armi più improbabili che si fronteggiano in pieno giorno come se niente fosse e per i motivi più futili (spesso legati a traffici criminosi): una triste realtà che ormai fa da sfondo a città sempre più degradate e preda dell’immigrazione incontrollata.

Inseguimento con machete a Torino

I fatti in questione sono avvenuti verso le 16 in corso Giulio Cesare, nei pressi della scuola primaria Parini. Immaginate cosa sarebbe potuto accadere se l’episodio si fosse verificato in corrispondenza dell’uscita da scuola dei piccoli alunni. Secondo quanto ricostruito dalle cronache locali, tra i due immigrati è scoppiata una furibonda lite. All’improvviso l’aggressore, che appare a petto nudo nel video circolato in rete, ha preso a inseguire l’altro nel traffico, brandendo un machete. La scena si è consumata sotto gli occhi — tra lo sbigottito e il terrorizzato — di decine di passanti. Qualcuno ha avuto la prontezza di spirito di riprendere la scena con un cellulare. I due stranieri si sono quindi allontanati da Corso Giulio Cesare scomparendo dalla vista dei presenti. Proprio quando tutti credevano che la lite si fosse conclusa, l’aggressore è stato nuovamente avvistato mentre camminava sui binari del tram, ricoperto di sangue. Dell’altro, nessuna traccia. Un elemento che ha fatto pensare al peggio. Ad oggi non si hanno notizie dell’inseguito.

I commenti dei politici locali

«C’è un clima di violenza e aggressività latente che rischia di esplodere da un momento all’altro. Per il sindaco Lo Russo è arrivato il momento di fare qualcosa di concreto per questa zona. Gli interventi delle forze dell’ordine vengono vanificati, senza una progettazione seria da parte di chi amministra la città», queste le parole Patrizia Alessia, capogruppo di Fratelli d’Italia nella Circoscrizione 7 di Torino. Le fa eco Daniela Rodia, consigliere della Lega, che commenta l’inseguimento con machete sui social: «È evidente che il tema sicurezza non viene affrontato dalle Istituzioni con le dovute attenzioni. I cittadini di Aurora meritano una risposta concreta».

Cristina Gauri

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. evvai così,che va bene…
    continuate pure,a comportarvi come un branco di scimmie cane:
    un giorno di questi agli italiani salteranno i nervi,
    e quel giorno i sogni bagnati di molti terzomondialisti
    e di moltissima feccia come questa,
    avranno un brusco e doloroso risveglio.

Commenta