Roma, 24 dic – Il governo sta facendo di tutto per renderci amaro questo Natale. Stavolta, però, dare la colpa agli italiani è diventato molto difficile. Il certificato verde, infatti, ha fallito alla grande. Anche se Draghi si ostina a difendere l’indifendibile. A sottolineare questa contraddizione è pure Marco Travaglio, che illustra tutti i motivi per cui il green pass non ha più senso di esistere.

La terza dose non basta

Ieri sera Travaglio era ospite di Lilli Gruber a Otto e mezzo, e naturalmente si è parlato dei temi centrali di questi ultimi mesi, e cioè Covid e green pass: «Come passerai le feste? Che precauzioni prenderai? Ognuno se lo chiede, per non mettere a rischio sé stessi e gli anziani. Draghi ha detto che le decisioni, come sempre, verranno prese in base ai dati scientifici e non alla politica», ha chiesto la conduttrice. «Avevo in programma di andare a Torino dai miei», ha risposto il direttore del Fatto Quotidiano. «Ma dato che parte della mia famiglia è stata contagiata da una persona che aveva appena ricevuto la terza dose, non ci potrò andare, sono tutti in isolamento. Quindi rimarrò qua e prenderò tutte le precauzioni del caso: mascherina agli affollamenti e per il resto tutte le altre precauzioni di igiene».

Guarda anche: Travaglio: «Vaccino ai bambini? Neanche con una pistola puntata alla tempia» (Video)

Travaglio affossa il green pass

Insomma, neanche la tanto osannata terza dose sta dando i risultati sperati, rendendo sempre più evidente l’inutilità del certificato verde: «Per quel che riguarda il governo», ha proseguito Travaglio, «mi auguro che dia retta ad Andrea Crisanti, che la smetta di trasmettere questo messaggio fallace e controproducente, ossia assicurare normalità e tranquillità ai vaccinati anche con terza dose. Sappiamo che abbiamo pochissime possibilità di morire di Covid o di finire intubati, ma dire che gli ambienti frequentati dai titolari del green pass siano sicuri è una fandonia che incentiva i vaccinati a non prendere precauzioni, mentre sono contagiabili e possono contagiare altri». Di conseguenza, conclude Travaglio, «questa cosa del green pass non sta in piedi: è una misura politica e non sanitaria».

Video

Vittoria Fiore

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Questa volta condivido.
    Ma possibile che osservazioni così ovvie hanno difficoltà a penetrare nei pensieri dei governanti!

Commenta