Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 11 set – “Vedrai il sangue, ti maledico, vedrai il sangue“. Così urla la 30enne congolese Auriane Fatuma Bindela, che due giorni fa ha aggredito Matteo Salvini a Pontassieve (Fi). E’ quanto si sente nitidamente nel nuovo video pubblicato oggi direttamente dal leader leghista sui propri profili social e su Youtube. Si tratta di un breve filmato che mostra i momenti successivi all’aggressione, con la donna africana portata via dagli uomini della sicurezza e tenuta a opportuna distanza da Salvini. Sono parole piuttosto inquietanti che in alcuni potrebbero accrescere il sospetto di un rito di magia nera (del tutto improbabile?) contro il leader della Lega.

Leggi anche: L’aggressione a Salvini può essere un rito di magia nera africana?

In ogni caso Salvini non pare particolarmente preoccupato e ha commentato così il nuovo video: “Alle maledizioni e alle minacce di questa ‘signora’ rispondo con il sorriso e con il lavoro, ringraziando tutti per l’affetto e per i 100 Santi Rosari che mi avete mandato in dono da tutta Italia. L’amore vince sempre”.

Alessandro Della Guglia

4 Commenti

  1. Se fossi Salvini mi preoccuperei non tanto delle maledizioni e della magia nera che purtroppo sta dilagando in questa italia con i suoi effetti nefasti perchè chi ci difendeva ha abbassato le armi ed è passato al nemico non nominando esorcisti in un momento di invasioni malefiche e perseguitando i migliori sacerdoti e ordini religiosi per gli atei questo è solo fumo per un credente è la Verità quindi si deve ricordare a chi maledice che la sua avversità può avere effetto ma può anche essere un micidiale boomerang mi sembra di vedere una scala più diminuisce il Padre il Figlio e lo Spirito Santo più gli uomini diventano belve qualcuno ha lavorato egregiamente e qualcuno ha tradito come giuda

  2. Laureata? La tesi cosa trattava: ” La donna di Neanderthal e la sua trasposizione nel XXI secolo “? Questa deve ricevere un T.S.O. e, successivamente, essere rinchiusa in una gabbia assieme ai suoi simili, gli Oranghi della sua terra natia.

Commenta