tom e jerry razzisti-2Roma, 3 ott – Un topo dispettoso e un gatto pasticcione: per anni abbiamo pensato che “Tom e Jerry”, la serie ideata nel 1940 da William Hanna e Joseph Barbera, parlasse di questo, solo di questo. Oggi, tuttavia, Amazon ci dice che non è così. Il cartone parla, sì, di un gatto che cerca di acchiappare un topolino. Ma c’è anche dell’altro. C’è del razzismo.

“Tom e Jerry” è infatti disponibile per la piattaforma video on demand di Amazon ma con l’avvertenza circa i suoi contenuti razziali. Nel mkirino le scene con la cameriera afroamericana ispirata al personaggio della governante di “Via col vento”.

Già la stessa Warner Bros aveva iniziato a eliminare le scene ritenute politicamente scorrette. “Noi vendiamo in un mercato globale e per questo abbiamo escluso contenuti che riteniamo inappropriati per un mercato globale”, aveva spiegato un portavoce della Warner.

Ora arriva il disclaimer di Amazon: “I cartoni di Tom e Jerry possono mostrare pregiudizi etnici e razziali molto comuni nella società americana del tempo. Questa rappresentazione era sbagliata allora e lo è anche adesso”.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here