Innanzitutto, bisogna avere un coraggio disperato, la forza morale per sopportare gli insulti del volgo fermo sulle posizioni imposte dalla critica, più o meno come sulle presunte verità scientifiche decretate dai virologi star. Quando un libro è assurto al rango di classico, non conviene toglierlo dalla sua sezione speciale della biblioteca. Senza volersi spingere fino all’iconoclastia più violenta, basti dire che Arancia meccanica di Anthony Burgess, testo che ha appena compiuto sessant’anni, tradotto nuovamente e ristampato di recente da Einaudi, non è, stilisticamente parlando, un capolavoro. Il romanzo ha tanto da comunicare ma lo fa male, in modo pesante, con un linguaggio viscoso che al principio stupisce, per poi risultare, dopo dieci pagine, francamente indigeribile. A discolpa dell’autore, si può certamente dire che, in quegli anni, per campare, era costretto a scrivere troppo – e, sfortunatamente, anche per un genio, il troppo stroppia.

Questo articolo è stato pubblicato sul Primato Nazionale di aprile 2022

Un romanzo fiacco, un film superlativo

La versione portata sul grande schermo da Kubrick è fuor di dubbio un lavoro superlativo, tanto quanto il romanzo risulta fiacco e abbozzato. Nel tentativo di rendere realistica la storia di Alex e i suoi tre drughi Pete, Georgie e Tonto, Burgess crea ex novo un linguaggio giovanile che mescola slang londinese con parole russe, il nadsat, finendo però col sovraccaricare la pagina tanto da renderla illeggibile. Non serve a granché, peraltro, il massiccio glossario a corredo, essendo oltremodo difficile da mandare a memoria. Il risultato dà il mal di testa e fa incrociare gli occhi – proprio come il suo amato faro nella notte, James Joyce, uno degli autori di cui tutti possiedono l’opera somma, L’Ulisse, solitamente senza essere mai riusciti a finirla. La pellicola di Kubrick ha, invece, il pregio di trovare la giusta misura nella bizzarria lessicale dei personaggi.

Leggi anche: Henrik Stangerup: lo scrittore che seppe vedere più lontano di Orwell

Il vero significato di Arancia meccanica

Ma, in fondo, se c’è un motivo per cui Arancia meccanica solcherà i mari del tempo, come ha fatto fino a oggi, verso l’eternità, è per il suo contenuto, o meglio, per dirla con le parole dello stesso autore, per il suo essere «un’inchiesta sulla natura del libero arbitrio, […] un dramma teologico». La trama dell’opera la…

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. Non era un film da fare cassetta. Al massimo era davvero da proporre solo nei cinema d’essai. Per i tempi di allora ha fatto più disastri che serie riflessioni. Ma, come al solito, per soldi, superficialità, chi se ne fotte?!

Commenta