Roma, 30 apr – In molti non capiranno, e non potranno mai capire. Quello compiuto da Tetsuo Sakamoto, stimato professore giapponese residente a Roma, è un gesto dal sapore antico, che affonda le radici nella più profonda tradizione nipponica: ha ucciso la moglie Eiko, malata terminale e immobilizzata a letto, per poi compiere harakiri. A dare la notizia della morte della coppia è stata la loro badante, che ne ha ritrovato i corpi ormai senza vita: lei a letto e lui nella vasca da bagno.

Chi era il professore giapponese

Tetsuo Sakamoto, 92 anni, esperto di cultura orientale, era dal 1978 vicepresidente dell’associazione Italia-Giappone, senza contare i suoi lunghi anni di docenza all’Orientale di Napoli. Nel 1982, per i suoi meriti nel campo dell’insegnamento, era stato anche nominato commendatore della Repubblica italiana. Insieme alla moglie Eiko, 90enne, Sakamoto viveva a Roma, nella zona della collina Fleming, e più precisamente in via Civitella d’Agliano.

L’harakiri e le lettere d’addio

Prima di dare la morte alla consorte e di compiere harakiri, il professore ha lasciato quattro lettere: due, scritte in italiano, indirizzate ai domestici, in cui li ringrazia per la cura con cui hanno accudito i due coniugi, lasciando inoltre all’interno una somma di denaro; le altre due missive, invece, sono state vergate in giapponese e destinate al figlio Mario e alla moglie. Queste ultime sono ora in possesso degli agenti del commissariato Ponte Milvio, che stanno investigando sulla vicenda, in attesa di essere tradotte.

Leggi anche: Kokutai no Hongi: «Governare il Giappone è un’impresa sacra»

Per ora, la polizia ha ipotizzato si tratti di un caso di omicidio-suicidio: l’appartamento, infatti, era in ordine e non sono stati rilevati segni di effrazione. In sostanza, pare debba escludersi l’ipotesi di rapina o simili. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, Sakamoto avrebbe dato la morte alla moglie con un oggetto contundente, mentre lei dormiva e quindi non si sarebbe accorta di nulla. Successivamente, il professore avrebbe compiuto harakiri con un coltello nella vasca da bagno, in cui si è infine spento.

Vittoria Fiore

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta