Roma, 3 dic – In Camera si fanno le proposte di matrimonio mentre in Senato spunta Pinocchio quindi niente di male se nel corso di una premiazione ci si commuova un po’ tutti cantando a cuore aperto Vattene amore di Amedeo Minghi.

Senato & Cultura

Amedeo Minghi si è esibito, infatti a Palazzo Madama. L’occasione è quella dell’evento Senato & Cultura – Premio al volontariato 2019 fortemente voluto per “rendere omaggio con un Premio speciale alla “nostra storia nazionale, fortemente legata all’attività sociale e solidaristica”. La cerimonia del premio, presentata da Lorella Cuccarini, si è svolta sabato 9 novembre 2019.  Presenti anche Geppi Cucciari, Eleonora Buratto. Era presente naturalmente anche il Presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati che quando Minghi ha intonato il suo cavallo di battaglia, portato al successo in duetto con Mietta, è apparsa commossa e sognante.

Il pezzo, d’altronde, è un classico del nazionalpopolare italiano e anche la Alberti Casellatii non può che apprezzare; classificatosi terzo al Sanremo del 1990, rimase in vetta per undici settimane non consecutive, e stazionò stabilmente nella top ten praticamente fino a settembre. Vattene amore risultò il secondo singolo più venduto in Italia del 1990, dietro soltanto all’inno dei mondiali di calcio Un’estate italiana. Il «trottolino amoroso» ormai celebre del testo pare sia nato da una perifrasi con il «farfallone amoroso» di Mozart; sia Minghi sia il poeta Panella (a lungo collaboratore anche di Lucio Battisti nella sua fase post Mogol) ne trassero ispirazione per la stesura del brano.

Ilaria Paoletti

Commenta