Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 lug – Il cuore dell’ideologia che anima gli antirazzisti di Black lives matter è il seguente: i bianchi sono colpevoli e oppressori per natura, e hanno sempre qualcosa da farsi perdonare; le minoranze (soprattutto quella nera) sono vittime e svantaggiate a prescindere, e hanno sempre un risarcimento da pretendere. Fine. Da questo pilastro, che fa parte di un’ideologia più ampia che coincide di fatto con un razzismo antibianco – altro che «antirazzismo» –, derivano poi vari corollari. Citeremo i più importanti: 1) il colonialismo europeo ha portato solo oppressione, distruzione e morte; 2) la cultura europea è etnocentrica, e quindi razzista e discriminatoria.

Che cos’è l’appropriazione culturale?

Ma non è tutto. Percependosi oppressi e tiranneggiati da una civiltà che non è la loro, le minoranze – tra cui la più rumorosa è quella afroamericana – si dicono decise a rifiutare la cultura europea e, anzi, sono diventate gelosissime della loro. È per questo che parlano in continuazione di «appropriazione culturale». Di che cosa si tratta? Facciamo un esempio: se un attivista dei centri sociali si fa un giro per Harlem con i dreadlock, ci sono ottime possibilità che passi un brutto quarto d’ora. Il motivo? Si è «appropriato» di un prodotto culturale delle minoranze.

Dieci ragioni per non cedere al ricatto

C’è un problema: qualcosa non torna affatto in questo continuo ricatto morale degli antirazzisti in servizio permanente effettivo. Quando un afroamericano vi accusa di «appropriazione culturale», o un immigrato senegalese vi rinfaccia la vostra barbarie coloniale, in realtà non tiene conto che:

  1. Quando scrive, lo fa usando i caratteri latini, inventati dai Romani, popolo europeo e imperiale per eccellenza.
  2. Quando fa di conto, utilizza i numeri indo-arabi (esatto: pure i numeri li ha inventati un popolo indoeuropeo, per poi giungere ai nostri amici islamici).
  3. Quando compra un libro, lo può fare perché Gutenberg inventò i caratteri a stampa. Ah, Gutenberg era tedesco, non nigeriano.
  4. Quando fa una foto con il suo smartphone, probabilmente non sa che la fotografia è nata grazie a Niépce e Daguerre, due francesi (e quindi europei).
  5. Se poi con lo smartphone addirittura ci telefona, allora sta usando un’invenzione dell’italiano Antonio Meucci (certo, Bell si è appropriato della gloria di Meucci, ma era comunque un anglosassone e non portava i dreadlocks).
  6. Quando guarda un film, dovrebbe ringraziare altri due francesi, i fratelli Lumière, che peraltro avevano delle simpatie un po’ sospette per un noto dittatore con i baffetti.
  7. Quando apre un conto in banca, è debitore di altri italiani, che per primi hanno fondato gli istituti di credito. Il più antico è il Monte dei Paschi di Siena, poi mandato in rovina dal Pd (ma questa è un’altra storia).
  8. Quando si iscrive all’università, deve ringraziare un imperatore tedesco (Barbarossa), che fondò il primo ateneo della storia in Italia, a Bologna. Era il 1088.
  9. Se all’università ci va in automobile, allora si è appropriato di una invenzione di Cugnot (francese) e Manzetti (italiano). E il calesse, diciamocelo, è demodé e anche un po’ scomodo.
  10. Se può tornare in Africa in aereo, senza più dover viaggiare in catamarano, allora dovrebbe erigere ai fratelli Wright un bel monumento, invece di abbatterlo.

Insomma, cari talebani dell’antirazzismo, chi è che fa «appropriazione culturale»?

Valerio Benedetti

3 Commenti

  1. Non dimentichiamoci anche che quando uno di loro improvvisa del jazz usa le scale e le regole della musica europea (molti classici jazz derivano ad esempio da brani di colonne sonore composte da europei).
    O pure pensiamo anche i Sampler (campionatori) senza non potrebbero creare ne brani rap,trap o simili.

  2. ” […] se un attivista dei centri sociali si fa un giro per Harlem con i dreadlock, ci sono ottime possibilità che passi un brutto quarto d’ora […].

    E certo! Ma io mi domando perché mai un bianco, seppure… “attivista dei centri sociali”, dovrebbe andare in giro conciato come un negro giamaicano?!? Che senso ha?
    Io credo che dovremmo, innanzitutto, riappropriarci NOI stessi della nostra cultura, in tutto e per tutto; dalle cose più piccole sino a quelle più grandi e importanti. Questo sarebbe sicuramente un buon inizio per (tentare di) risollevarci e riparare le “fenditure della grande muraglia” (inteso in senso profano), invece di accusare le – a volte giuste – rivendicazioni degli altri.

    Ma guardiamoci attorno: solo riferendoci a casa nostra, qui, in Europa, la stra-grande maggioranza della gente, di fatto, già pratica l’appropriazione di elementi derivati da culture straniere. Spettacoli televisivi, musica, balli e danze, abbigliamento, acconciature, discipline sportive, letteratura d’evasione, espressioni gergali, etc., etc.: la gran parte di queste cose sono TUTTE mutuate da culture (o sub-culture; o peggio: pseudo-culture) che NULLA hanno a che fare con quella europea tradizionale. La maggior parte della gente che vedo per strada, non solo i giovanissimi, sta in ginocchio di fronte alle cosiddette minoranze etniche, già dai suoi primi anni di vita su questo pianeta e senza nemmeno accorgersene.

    Pertanto, io penso che l’invito del dottore Benedetti, a non inginocchiarsi di fronte a questa ennesima follìa del BLM, sia più che condivisibile ancorché incompleto, perché non tiene conto della assimilazione culturale pressoché totale da parte del “american way of life” soprattutto (ma non solo) del tipo negro-americano.