Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 19 mar – Ci sono uomini che hanno la dinamite nell’anima, santabarbare viventi capaci di implodere senza soluzione ci continuità per subito ricomporsi e tornare a brillare. Ci sono “maudit” veri, geniali e sregolati la cui personale e originale opera letteraria, artistica, musicale — per quanto sublime, magnifica, grandiosa — non eguaglia l’opera della loro stessa vita, opera messa in scena spesso ad uso indigesto delle genti: vite indigeste perché “mostruose” e godibili solo esteticamente ma non assimilabili, impossibili da imitare. Sono i Bukowski, i d’Annunzio, i Mozart, i Keller, i van Gogh, i Mishima, i Saint-Exupéry (tanto per citarne alcuni in ordine sparso e differenti ognuno “folle” a modo suo)… sono gli Eduard Limonov.



Russo nato il 22 febbraio 1943 e salito in Paradiso o, più probabilmente, sprofondato all’Inferno rimbalzando in tutti i più terrificanti gironi tra mignotte, drogati, omosessuali, pervertiti, sovversivi il 17 marzo di quest’anno — ma ovunque sia andato a dimorare il padrone di casa avrà il suo bel problema a mantenere l’ordine.

Black Brain

Limonov, un breve ritratto

Il suo biglietto da visita? Figlio di un funzionario di un ufficio collegato al Kgb, scappato in America e poi in Francia, si accoppiava indifferentemente con uomini e donne nei parchi, portava in tasca mutande di donna e alla mano un anello con l’effige di Mussolini, eterosessuale, poi bisessuale ammiratore di d’Annunzio, Marinetti e Hitler con Aleksandr Dugin fondò il partito Nazionalbolscevico mettendo in fila stalinisti e zaristi, nazionalisti e comunisti. Incarcerato per un paio d’anni, ha scritto libri in cui è bandito buonismo e il politicamente corretto, come “Il boia”(1982) in cui è fulcro il sadomasochismo, per poi andare a sparare in Serbia e in Crimea, ispirando il capolavoro di Emmanuel Carrère tradotto in tutto il mondo. Ultima sua fatica letteraria “Zona industriale” che venne a presentare in Italia, Paese che amava (aveva soggiornato a Roma prima di approdare in America).

In un’intervista, alla domanda: «Che tipo di Russia vorrebbe?» rispondeva: «Quella che si adegui alla mie idee politiche»…. E sulle sue idee politiche ci sarebbe da scrivere molto e ce ne sarà occasione. Restando al piano del necrologio, credo che nessun possa eguagliare quello realizzato da Aleksandr Dugin che nella fase della sua proposizione politica più autenticamente rivoluzionaria gli è stato sodale. Qui la traduzione realizzata in esclusiva per il Primato Nazionale dallo stesso Dugin.

Maurizio Murelli limonov

Il necrologio di Aleksandr Dugin 

Eduard Limonov è morto. Aveva settantasette anni. È morto da giovane, da adolescente. Si è sempre rifiutato disperatamente di invecchiare, di crescere. Non è mai cresciuto. Mi verrebbe da chiamarlo “nonno”, per sottolineare la sua adolescenza, usando un epiteto assurdamente contrastante rispetto a come lui si percepiva. Limonov è morto, restando del tutto giovane. Credo che il suo unico amore fosse quello verso se stesso. Ma era grande questo amore, gigante… era l’amore di una vita integra, che nessuno avrebbe potuto portargli via.

Le sue opinioni politiche si aggiungevano a quel grande amore – l’amore verso se stesso –, che rendeva il mondo esterno e gli altri uomini disgustosi e meschini quanto lui stesso era bello, luminoso, indomito, libero e incomparabilmente migliore. Questa postura era del tutto esplicita – «Eccomi, sono Ed» –, provocatoria e anarchica, sfuggendo spesso agli osservatori esterni, confondendoli. Sarebbe di cattivo gusto prendere le sue strategie poetico-politiche con serietà. Il suo “fascismo” o “nazionalismo” erano solo una postura, un dandysmo iper-individualista volto a spaventare il pubblico. Prendere troppo sul serio Limonov significa mancare di senso estetico.

Apparteneva a un ambiente e a una cultura di cui non era rimasto praticamente nulla. Un ponte tra l’Età dell’Argento della cultura russa estinta e un’Età del Bronzo che non è mai iniziata. La misura dell’incomprensione di Limonov è la misura dell’incomprensione di tutto – dell’arte, così come della politica. La sua vita e la sua personalità erano del tutto autosufficienti. Una volta mi aveva detto che a Kharkov, da giovane, per un amore adolescenziale, si era tagliato le vene; non per disperazione, ma per un eccesso di vitalità – per mancanza di paura e una certa inudibile rimozione di se stesso.

Sua moglie, la cantante Natasha Medvedeva, non aveva la sua effervescenza e lo condizionava negativamente. Insieme sono stati tragici, solo, Limonov recuperava la sua reale e originale dimensione.

Limonov ha creato il partito dei giovani, che è stato ed è il fenomeno più eclatante della vita politica russa. Un partito folle e allegro, adolescente e indomito come lui stesso. Imitandolo, quei giovani hanno reso le loro carriere più adatte ad epigoni, mentre lui è rimasto da qualche parte ai margini della società, anche se tutti lo conoscevano. Quando ha fatto un passo verso i liberali, la “grande cultura” globalista lo ha immediatamente accolto. Ma a Limonov non interessava: lui voleva spaventare, scioccare, provocare, deliziare, stupire… Appena “perdonato” e “incensato” dai globalisti confusi per via della sua critica a Putin, ancora una volta, Limonov ha proclamato qualcosa di politically incorrect – ad esempio, la «Crimea è russa», dando sostegno alla Primavera russa.

È morto com’è vissuto. Senza piegarsi. È morto quando il suo tempo era giunto. Di una buona morte – con la coscienza chiara e lo spirito vivo.  E questo è così importante… morire bene. Sì, la morte! Era lo slogan del partito nazional-bolscevico. Limonov ha ribadito queste parole uno volta di più… questa volta in maniera decisiva.

Maurizio Murelli e Aleksandr Dugin

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta