Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 11 ott – Per chi di voi non lo spesse, oggi è il Coming out day, il giorno in cui la comunità Lgbt celebra l’uscire “out of the closet”; letteralmente, uscire dall’armadio, in pratica confessare al mondo la propria omosessualità (poi negli anni aggiornata in fluidità, non binarietà, pansessualità, e chi più ne ha più ne metta). Anche questa occasione, come molte altre legate al mondo gay, è diventata una ghiotta chance di incassare per le multinazionali, non da ultima l’Ikea.



Armadi e omosessualità

Per il Coming Out Day 2019, l’azienda svedese ha “racchiuso” all’interno dei suoi armadi storie e i pensieri degli omosessuali che stanno ponderando di confessare a tutti il proprio orientamento sessuale oppure lo hanno già fatto. Da oggi fino a domenica, Ikea mette a disposizione dei propri clienti romani le esperienze degli appartenenti alla comunità Lgbt “custodite” all’interno degli armadi – magari con la scusa dei diritti civili qualcuno decide che in camera da letto un due ante a sportelli scorrevoli ci starebbe proprio bene.

Equality come visione strategica”

Dichiara Filippo Caruso, P&C Manager dell’azienda svedese per l’Italia: “In Ikea riconosciamo i valori di equality come parte integrante della nostra visione strategica: crediamo che tutti abbiano il diritto di sentirsi se stessi e di esprimere la propria identità, ma siamo anche consapevoli che spesso questo porti a paure, dubbi e tante domande su se stessi e su chi ci circonda” . E sul prezzo di quel poggiapiedi, anche.

“Diamo voce alla comunità Lgbt”

Aggiunge Alessandro Aquilio, Country Communication & Sustainability: “Con questa campagna IKEA rinnova il suo impegno di sensibilizzazione sui diritti delle persone LGBT+, con l’obiettivo di creare una reale cultura del rispetto e dell’inclusione. Dopo il progetto #fateloacasavostra, torniamo ad accendere i riflettori sul portato di emozioni che accompagna il prima e il dopo la scelta del coming out, dando voce a chi ha vissuto sulla propria pelle il percorso di dichiararsi”.

Marketing politicamente corretto

“Ci sono emozioni che è difficile tenere dentro” aggiungono ancora i pubblicitari di Ikea: “E ancora più difficile tirare fuori. Renderlo più semplice dipende da ognuno di noi.” Soprattutto se nell’intento nobile ci si aggiunge quella punticina di marketing che non guasta; lo abbiamo già visto al Gay Pride di Milano. Multinazionali e importantissimi brand che finanziano e sponsorizzano le iniziative arcobaleno. Lo faranno davvero per l'”equality”? Ai nostri amici Lgbt, nella furia d’essere finalmente accettati, non sorge mai il dubbio di essere semplicemente sfruttati?

Ilaria Paoletti

 

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

4 Commenti

  1. L’IKEA essendo una multinazionale a bandiera svedese,oltre ad abbracciare lapalissianamente il pensiero dominante,si mostra lo specchio di un paese debosciato dal suo credo politico quale è oramai la povera Svezia.

  2. il fondatore era nazista …… ma non faceva pubblicità Sieg Heil ….

    ma …. esistono mobili per froci ????
    i sodomiti sono più interessati ai vestiti …. e non li vedo a montare
    (nel senso di montaggio con brugole e bulloni ,,,)
    armadi e librerie .

    cattivo marketing ? il compratore medio é maschio , bricoleur (dotato di una buona borsa per gli attrezzi, l’ antitesi della checca ….)
    comunque sono , in tutti i sensi , CAZZI loro , continuerò a comprare nonostante
    la “froceria”

  3. Complimenti! In due sole righe hai fatto capire a tutti la tua ignoranza, oltre ad aver chiarito di essere uno schifoso antisemita leone da tastiera (metti il tuo nome al commento e poi ne riparliamo).
    Per fortuna che ci sono le aziende come IKEA che, fosse anche solo per puro marketing, aiutano a dare risalto a determinati temi e ad educare le persone ad essere più civili e rispettose delle differenze altrui.
    L’Italia é uno dei paesi meno istruiti d’Europa e il tuo commento ne é la prova lampante.
    Ti auguro di tutto cuore di trovarti in una o piú situazioni in cui venir discriminato per qualsivoglia stupida ragione, anche la piú piccola.

Commenta