Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 20 nov – Per chi se lo fosse perso publichiamo lo spezzone in cui Angela Finocchiaro su La Tv delle ragazze, in onda su Rai Tre mercoledì 14 novembre, rivolgendosi ad un gruppo di bambine dichiara “I maschi sono dei pezzi di merda”. E alla bambina che domanda: “Ma anche il mio papà?” lei risponde “soprattutto il tuo papà”.
Un episodio che ha generato numerose polemiche, sia da parte delle associazioni a tutela della famiglia e dei minori, ma anche in ambito politico, con il leghista Massimiliano Capitanio, Segretario della Commissione parlamentare di Vigilanza Rai che ha inviato un’interrogazione su quanto accaduto.
“Il servizio pubblico radiotelevisivo non può e non deve essere questo”, ha spiegato Capitanio nella sua interpellanza. “Questa non è comicità, riferirsi a una mamma o un papà con questi termini e, soprattutto, di fronte ai bambini è una violenza psicologica sul minore, oltre che un esempio di linguaggio diseducativo e di pessimo gusto”.



Davide Romano

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

5 Commenti

  1. Ma Marcello Foa non ha detto nulla? Tutto va bene? Solo la Lega si è alzata a protestare? Fratelli d’Italia e gli altri dove sono? Secondo me, ci sono gli estremi per una querela per diffamazione a mezzo televisivo contro la Finocchiaro e questo atto giuridico dovrebbe essere compiuto, a nome di tutti gli italiani, da colui che ha la massima carica istituzionale, cioè dal Presidente della Repubblica, contro la Finocchiaro e contro il responsabile che ha dato il proprio consenso alla messa in onda di questo pessimo sketch (visto che era uno spezzone registrato).

  2. Comunistoide vomitevole,racchia senza dignità, la latrina sinistra è sempre piena di personaggi vigliacchi e codardi……….in questo caso una ignobile recita di una inadeguata pseudo artista……….per cui i maschi bianchi etero sono pezzi di merda???………sapesse la cloaca pseudo femminista quanto fa pena e schifo……..

  3. a me, ad occhio, sembra una polemica basata sul nulla. il programma non è rivolto ai bambini. è un programma satirico e la finocchiaro una comica. va in onda la sera. le bambine del video CHIARAMENTE non erano presenti quando la finocchiaro diceva le sue battute. Non capisco poi l’impreciso uso del virgolettato. non cambia molto ma la finocchiaro dice “uomini” non “maschi”, perchè cambiare la parola?
    anzi, a dirla tutta, la battuta finale farebbe intuire una critica verso certo femminismo dell’odio. secondo me chi critica prende una cantonata.

Commenta