Che a parlare sia un medico, un giornalista o un politico, ciò che colpisce in maniera particolare della retorica dell’era pandemica è un costante appellarsi del loro linguaggio a categorie etiche e morali, che esorbitano ampiamente dagli ambiti in cui il rispettivo discorso era di norma circoscritto. Certo, il medico fu in passato il miglior confessore del paziente; il giornalista difese i buoni costumi del Paese a cui si rivolgeva; il politico espresse con il proprio governo il senso comune dello Stato che governava.

Questo articolo è stato pubblicato sul Primato Nazionale di febbraio 2022

Erano, tuttavia, altri tempi, in cui, lo si ritenga opportuno o meno, la vita sociale era improntata a una visione e a un retaggio comuni; e il relativismo era ancora appannaggio di una ristretta élite intellettuale, che lo coltivava come manifesto ideologico nella penombra dei propri salotti. Ben diversa era, invece, la situazione degli ultimi decenni, in cui la questione etica era stata accantonata in un generale clima di laicizzazione e pensiero debole, per essere relegata a competenza della mera sfera privata. La troviamo oggi riaffiorare pubblicamente con forza, al di fuori di qualsiasi seria problematizzazione, e già risolta in un apparato di formule banali e ricorsive, violentemente affermate come patrimonio comune sottratto alla critica.

La nuova morale pandemica

Vorremmo ricordare che, se per morale si intende il complesso di norme che adeguano al bene il comportamento e il giudizio umani, l’etica invece ne rappresenta la dimensione collettiva e pubblica. Potremmo dire che l’etica è, in senso proprio, la morale di un essere umano in quanto appartenente a un gruppo o a una società. Sembrerebbe dunque che il riproporre un linguaggio etico e morale nel discorso pubblico indichi una diffusa e partecipata ricerca del bene.

Leggi anche: La pandemia non c’entra: la nostra società era già malata da un pezzo

Ma non lasciamoci ingannare. A metterci in allerta sui propositi tutt’altro che benevoli del presente sono, ad esempio, fenomeni sociali divenuti endemici, come la rabbia e la diffidenza verso il prossimo, fomentate dagli stessi promotori della nuova moralità. È importante notare che non esiste nessun orizzonte comune che permetta di fondare nel presente un’idea del bene sufficientemente solida da reggere un sistema etico come, ad esempio, avveniva nell’eone cristiano. L’unica ideologia che oggi appare essere socialmente influente è quella scientista, che tuttavia è avulsa a qualsiasi questione di ordine morale e metafisico. L’unico imperativo che lo scientismo è in grado di riconoscere è quello orizzontale dell’efficientamento. In quest’ottica, lo scientismo non chiede di essere buoni, ma di comportarsi bene, ossia omologarsi alle esigenze del sistema tecnico-produttivo. Paradossalmente, se per comportarsi bene fosse…

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta