millenials giovaniRoma, 11 ott – Giovani italiani “choosy”? Al massimo lo saranno alcuni ministri. Secondo la ricerca “Vita da Millennials: web, new media, startup e molto altro. Nuovi soggetti della ripresa italiana alla prova”, effettuata dal Censis sui ragazzi tra i 18 e i 35 anni, la generazione nata tra gli anni ’80 e il 2000 sarebbe più volenterosa, stacanovista e versatile di quella over 35.

Negli Stati Uniti li chiamano i “Millenials” e sono proprio quei giovani che i più tristi luoghi comuni descrivono come sfaticati e poco inclini a ricercare un lavoro. Dagli inizi del nuovo millennio la gioventù italiana ha subito un vero e proprio bombardamento mediatico, una discriminazione senza limiti, che ha trasmesso un senso di colpa nella mentalità del giovane italiano medio, il quale deve guardare al bravo immigrato come un esempio e un modello da imitare, mentre lui deve vergognarsi della propria condizione. Quale sarebbe la colpa dei millenials secondo la cultura progressista e mondialista? Essere nati in Occidente, da una famiglia autoctona e magari di ceto medio. Come se il benessere che la società europea si è conquistato attraverso scoperte, guerre e rivoluzioni sia una sorta di demerito, mentre quello di venire da un paese sottosviluppato equivalga ad essere necessariamente un bravo ed onesto (super)lavoratore.

I millenials: tutto tranne che sfaticati

Questa logica ha trascinato i nostri giovani a vivere in una condizione paradossale, a dover accettare la precarietà e lo sfruttamento con il sorriso sulla bocca, restando in ogni caso una categoria di “privilegiati”. Ebbene, secondo i rilevamenti dell’istituto di statistica sono 2,3 milioni i Millenials che svolgono un lavoro di livello inferiore alla propria qualifica (sono il 46,7% di quelli che lavorano, rispetto al 21,3% dei “Baby boomers” di 35-64 anni, quella dei loro padri e delle loro madri). Il 77% degli under 35 con un posto, parliamo quasi di 4 milioni di persone, lavora oltre l’orario di lavoro, contro il 60% della generazione Baby boomers. Il 58% lavora anche il weekend, il 22,7% la notte (contro il 17,3%). Sempre secondo la ricerca questi giovani sarebbero molto attivi anche sul fronte dell’imprenditorialità: un’impresa su dieci fa capo ai Millenials e le capitali dell’innovazione sono Roma, Milano e Torino.

Sicuramente uno dei vantaggi di questa generazione è anche l’abitudine all’utilizzo della dei nuovi strumenti offerti dalla tecnologia, quella che hanno cominciato a masticare sin da piccoli, quando ancora non era un elemento indispensabile nella società, e che adesso è il pilastro e il simbolo della nostra epoca.

Ad ogni modo, quella dell’attuale generazione giovane, è una condizione che spesso è stata strumentalizzata e volutamente male interpretata dai media e dalla classe intellettuale odierna, preferendo usarla come bandiera anti-italiana per dimostrare che la nostra nazione ha più bisogno di stranieri che di italiani. Tutto ciò ha generato un vero e proprio cancro sociale, un tumore che sta mietendo sempre più vittime, producendo emigrazione, sfruttamento, flessibilità e precariato.

Mauro Pecchia

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here