Roma, 20 nov – La cittadinanza onoraria della città di Biella è diventata una questione di Stato. Dopo il rifiuto di Ezio Greggio in “favore” di Liliana Segre, ora si candida Vittorio Sgarbi.

La “candidatura” di Sgarbi

“Do la mia disponibilità al sindaco di Biella per ricevere la cittadinanza onoraria” scrive su Twitter Vittorio Sgarbi e l’ironia è evidente. Ricapitolando, la scelta di conferire la cittadinanza onoraria a Greggio era arrivata sabato 23 novembre: il sindaco di Biella Claudio Corradino, in quota Lega, aveva motivato la sua decisione evidenziando la “popolarità televisiva come conduttore, giornalista, attore e regista”, il suo “costante impegno con l’associazione dedicata ai bambini prematuri” e il suo contributo alla diffusione del nome di Biella in Italia e nel mondo. Fin qui non ci sarebbe nulla di strano, se non che giusto una settimana prima in consiglio era stata bocciata la proposta di conferire la stessa cittadinanza alla Segre, perché giudicata “strumentale”.

 

Le reazioni dei fan

Adesso, a tagliare la testa al toro interviene il polemico storico dell’arte che, nel suo breve tweet, “tagga” le maggiori testate giornalistiche nazionali (ma anche quelle che hanno sede a Biella) e agenzie stampa. In pochi minuti è boom di retweet, like e commenti che apprezzano la boutade del sindaco di Sutri: “Onorevole a Lei non gliela daranno mai perché sarebbe controproducente per via delle tante industrie che si trovano costì anche laneifici: capra capra. Provi da un’altra parte” commenta invece una fan.

Candidiamoci tutti

Insomma, dopo l’exploit di Sgarbi (in tandem con Vittorio Feltri, un altro pezzo da novanta) ospite a Non è la D’Urso adesso lo storico dell’arte usa dei toni più contenuti ma lo stesso d’impatto; tutto questo parlare della cittadinanza alla Segre, poi a Greggio, poi a nessuno è diventato davvero ridicolo. Val la pena farci giusto una battuta: anzi, candidiamoci tutti.

Ilaria Paoletti

1 commento

  1. almeno Sgarbi sarebbe più dignitoso di un mezzo conduttore che racconta frignacce in tv (e anche fuuori) o di un sindaco senza spina dorsale che si autoflagella alle prime polemiche

Commenta