Roma, 4 apr – Primeggiare per bellezza in quello scrigno di tesori e meraviglie artistiche che è l’Italia non è di certo cosa facile. Per dirla con Papini, l’Italia è “compendio di tutte le terre, principio e rifugio di tutte le civiltà”. Ha quindi un valore del tutto particolare il risultato ottenuto dalla Galleria degli Uffizi, che si è aggiudicata il titolo di luogo di cultura di maggior successo in Italia nel 2021, battendo una concorrenza serratissima.

Galleria degli Uffizi da record

Infatti, gli Uffizi si sono rivelati il museo ed il luogo di cultura di maggior con il più alto numero di visitatori nello scorso anno solare. A riportarlo è la classifica stilata dal Giornale dell’Arte, che monitora la performance di musei ed esposizioni nel Bel Paese e nel mondo. Battuti, quindi, il Colosseo e i Musei Vaticani. Secondo i dati forniti dal Giornale dell’Arte, gli Uffizi si sono attestati a 1.721.637 ingressi, contro i 1.633.436 del Colosseo e i 1.612.530 dei Musei Vaticani, superando così anche il Parco archeologico di Pompei, che registra 1.037.766 visite.

Numeri da record che permettono per la prima volta agli Uffizi di essere primi in questa speciale classifica. Numeri forse un po’ freddini che non riescono a testimoniare l’abbondanza e lo splendore dell’Italia, per cui il confine fra bellezza museale e bellezza viva si confonde quasi a perdersi.

Le parole del direttore Eike Schmidt

Ha di che essere felice il direttore Eike Schmidt, il quale ha ringraziato in una nota stampa i propri collaborati e salutato con favore questo risultato: “Siamo di nuovo su una linea ascendente che fa ben sperare per il futuro. Si è trattato di un impegno di squadra che ha coinvolto tutti i colleghi che lavorano agli Uffizi con le più diverse mansioni”.

Schmidt ha parlato anche di quelli che a suo dire sono stati i motivi di questo successo: “Insieme è stato possibile realizzare i tre fattori decisivi che hanno potuto attirare e fidelizzare i visitatori: le nuove sale del Cinquecento aperte lo scorso maggio, le mostre che spaziano dall’antichità classica al contemporaneo e l’offerta culturale che diramiamo anche sul web e sui social”. Insomma, un lavoro a tutto tondo che ha permesso agli Uffizi e alla città di Firenze di essere perla fra le perle della bellezza patria.

Michele Iozzino

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta