Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 7 ago – Attualmente l’Italia è tra i paesi europei che gestiscono al meglio risorse e consumi al fine di gestire l’impatto ambientale sul territorio insieme a Francia e Germania. La riduzione dell’uso dei materiali come pesticidi ha rallentato le emissioni di CO2, garantendo una stabilità contemporanea senza recare danno all’ambiente. Tra gli altri importanti fattori del risultato attuale c’è anche il riciclo dei rifiuti emessi dalle industrie: il fenomeno di riutilizzo dei materiali è estremamente importante al fine di ridurre lo spreco e mantenere sano l’ambiente.



L’Italia è già un “modello ecologico”

I dati del rapporto GreenItaly 2020 di Fondazione Symbola e Unioncamere – Unioncamere confermano che un quarto delle imprese italiane è favorevole a investire nella transizione verde. Come riportato nell’articolo Rifiuti, record del riciclo: «Italia oltre i target al 73%» del Sole 24 Ore, il presidente del Conai (Consorzio nazionale imballaggi), Luca Ruini, ha affermato che attualmente l’Italia si trova seconda solo dopo la Germania in ambito di imballaggi riciclati, e che quest’anno grazie all’impegno generale, abbiamo ottenuto il numero record di materiale riciclato per la nostra penisola.

Risultati positivi inerenti il riciclo arrivano sia dal nord Italia che si attesta a (+6%), sia dal meridione (+5%). Una statistica che fa ben sperare anche per la realizzazione dei futuri progetti nazionali di sostenibilità ambientale. Analizzando questi nuovi dati gli obiettivi prefissati per l’anno 2025 in ambito ecologico sembrano poi sempre più vicini. Non bisogna dimenticare inoltre il giovamento che la popolazione può trarre dall’ecologia: sottraendo i rifiuti alle discariche non si crea soltanto una catena di riciclo e di consumo inferiore, ma anche condizioni di vita migliore per i cittadini, i quali non dovranno pagare l’effetto dell’incenerimento dei rifiuti con la propria salute.

E’ chiaro che il processo di riciclaggio di materiali come la plastica dovrà essere costante, considerando anche la difficoltà con cui quest’ultima viene trattata per produrre nuovi oggetti, ma soprattutto è fondamentale continuare a promuovere una seria economia verde in tutto il paese, conciliandola con le esigenze lavorative e sociali dei cittadini.

Gabriele Caramelli

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Anche l’ acqua schifosa che esce dai rubinetti di tantissime città è il risultato di questo progresso ecologico? A già la questione è rappresentata solo dalle tubature private vetuste…

Commenta