Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 8 dic – Una serie di tweet su Bitcoin e sulla criptovaluta in generale del patron di Tesla, Elon Musk, avevano già fatto presagire un investimento a breve. Notizia di oggi è che proprio Tesla abbia investito 1,5 miliardi di dollari nella criptovaluta più scambiata del mondo.



Bitcoin, Tesla investe e Musk “twitta”

E’ stato sufficiente per Musk twittare l’hashtag “#bitcoin” (Tesla, infatti, nel prossimo futuro intenderà accettare il bitcoin come strumento di pagamento) per far volare l’andamento della criptovaluta che è scattata del 10% fino al record di oltre 44mila dollari. Secondo il Sole24Ore, la decisione di Tesla è inserita in una comunicazione alla Sec, il corrispettivo statunitense della nostra Consob. L’azienda di auto elettriche di Musk spiega come il bitcoin garantisca “più flessibilità per diversificare e massimizzare ulteriormente gli utili”.

Il precedente con la criptovaluta del dogecoin

I tweet di Musk non piacciono a tutti, però, perché anche dopo aver fatto endorsement al dogecoin (una criptovaluta “satirica” che prende il nome da un popolare meme con protagonista un cane) la moneta virtuale aveva subito lo stesso incremento: dogecoin era schizzata del 65% in 24 ore. Oltre a Musk, anche il rapper Snoopy Dog e Gene Simmons dei Kiss avevano twittato “pro” dogecoin.

Gli investitori imiteranno Tesla?

Sempre via Twitter, lo stesso Musk aveva scritto che il bitcoin, a breve, sarebbe stato accettato in larga scala tra gli investitori. Era un indizio per far capire che Tesla era “interessata” alla svolta. Se non altro, ha creato un precedente ho gettato le basi per un effettivo cambiamento, così la pensa almeno anche Dan Ives di Wedbush: “Adesso gli investitori e altri osservatori del settore guarderanno da vicino per vedere se altre società seguono l’esempio di Tesla su questo percorso delle criptovalute o se invece saranno solo pochi nomi a compiere questo salto strategico con il bitcoin”. Dal canto suo, Musk continua allegramente a twittare meme relativi alle criptovalute, addirittura promuovendo un sondaggio su quale sia la prossima moneta universale sul pianeta Terra: inutile dire che ha vinto il dogecoin. “Il popolo ha deciso”, twitta Musk.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Si dovrebbe anche cominciare a capire che da un mondo senza responsabilità deriva anche (!) un mondo senza garanzie. Chi garantisce il bitcoin o monete biforcute simili? Tutti e nessuno come al solito…
    Da Musk, avere un esempio di chi tiene i piedi per terra è dura! Regge solo chi chi conduce il gioco, ovvero vuole essere l’ ultimo a soccombere…

Commenta