Roma, 18 gen – Come previsto, è arrivata oggi l’offerta di Lufthansa per l’acquisizione di Ita Airways. E così la nostra compagnia aerea, nata dalle ceneri di Alitalia, in un restyling che sembra pensato appositamente per presentare un prodotto attraente ai volenterosi, potenziali acquirenti, sta per essere ceduta – almeno in parte – ai tedeschi. Poco fa Lufhtansa ha difatti presentato al ministero del Tesoro una manifestazione di interesse per entrare nel capitale di Ita Airways. Procedura che prevede inizialmente l’acquisto di una quota di minoranza della compagnia aerea. Poi verranno concordate le opzioni per l’acquisto delle altre azioni.

L’annuncio di Lufthansa: “Italia mercato terzo mercato più importante”

“Deutsche Lufthansa AG sta cercando di acquisire una partecipazione nel vettore nazionale italiano ITA Airways (Italia Trasporto Aereo S.p.A.). Inizialmente, verrà definito l’acquisto di una quota di minoranza e saranno concordate opzioni per il successivo acquisto delle azioni rimanenti. In data odierna, il Gruppo Lufthansa ha presentato una lettera di intenti al Ministero dell’Economia e delle Finanze italiano”, si legge in una nota della compagnia aerea tedesca.

“Qualora entrambe le parti decidano di firmare il memorandum d’intesa, ulteriori negoziati e discussioni – prosegue Lufhtansa – saranno condotti su base esclusiva. Gli ulteriori colloqui di approfondimento andranno quindi a concentrarsi principalmente sulle forme e modalità del possibile investimento azionario, sull’integrazione commerciale e operativa di Ita nel Gruppo Lufthansa e sulle sinergie che ne deriveranno. Nell’eventualità di un raggiungimento di un accordo contrattuale, l’effettiva attuazione sarà soggetta all’approvazione delle autorità competenti”.

E ancora: “Per il Gruppo Lufthansa, l’Italia rappresenta il mercato più importante al di fuori dei mercati domestici e degli Stati Uniti. La volontà di integrare Ita Airways all’interno delle compagnie del Gruppo risiede nel forte interscambio del Paese a livello globale, tramite viaggi d’affari e privati, nella sua forte economia orientata all’esportazione e nel suo essere uno dei luoghi turisticamente più attrattivi in Europa”, spiega la compagnia tedesca.

Cosa prevede la proposta tedesca

Stando alle ultime indiscrezioni, i tedeschi di Lufthansa dovrebbero mettere sul piatto circa 350 milioni di euro, garantiti da un aumento di capitale riservato, per rilevare il 40% del capitale di Ita Airways. Una cifra considerevole, peraltro più alta di quella ipotizzata inizialmente. La nostra compagnia di bandiera viene dunque valutata quasi 850 milioni di euro, a fronte di un patrimonio netto di circa 500 milioni.

Una volta passata al vaglio e approvata l’offerta, il Mef avvierà una trattativa in esclusiva per giungere alla firma di un Memorandum of undestanding. In ogni caso, la chiusura dell’operazione dovrà poi essere approvata dall’Antitrust europeo. Quindi se tutto andrà “liscio”, per l’eventuale subentro di Lufthansa serviranno altri 4-5 mesi. Nel piano industriale sarebbe prevista, inoltre, una partnership commerciale con Ferrovie dello Stato per l’emissione di biglietto unico, in modo da combinare treni e aerei.

Alessandro Della Guglia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

Commenta