Roma, 29 apr – Joe Biden mette la freccia, accelera e stacca tutti: il re delle gaffe è lui, nessuno provi a superarlo. Dal chiamare “iraniani” gli ucraini, allo stringere la mano al nulla come nell’inflazionato meme di John Travolta in Pulp Fiction. L’ultima clamorosa topica, il presidente degli Stati Uniti l’ha partorita ieri, affermando che gli Stati Uniti “accoglieranno” gli oligarchi russi mentre alla stampa riferiva dell’ipotesi di vendere beni confiscati ai magnati di Mosca. “We’re going to accommodate them”, ha detto per l’esattezza Biden, traducibile con “li accoglieremo” o “li soddisferemo”. Poco cambia nella sostanza, perché chiaramente il presidente Usa non intendeva mandare esattamente quel messaggio.

Gaffe di Biden sugli oligarchi russi, la Casa Bianca rettifica così

Non a caso il sito della Casa Bianca, nel riportare il discorso di Biden, sostituisce la frase con “hold accountable”, ovvero “riterremo responsabili” gli oligarchi russi.

La frase esatta pronunciata da Biden è in realtà questa: “Sto anche inviando al Congresso un pacchetto completo che rafforzerà il nostro sforzo di fondo per accogliere gli oligarchi russi e assicurarci di ottenere i loro guadagni illeciti”. Sleepy Joe, come lo chiamava Trump, sembra quasi accorgersi della gaffe in cui è incappato, ride e poi ripete l’errore.

Altro che le sparate di Trump

Lo scivolone non è sfuggito ai media americani, con il Washington Times che lo commenta così: “L’ultima gaffe o l’espressione confusa del presidente ha rapidamente suscitato critiche e preoccupazioni sui social media”. Lapidario il commentato del senatore repubblicano dell’Arkansas, Tom Cotton: “Allarmante”.

Le goffe uscite di Biden fanno impallidire le infuocate frecciate trumpiane. Scivoloni incredibili che se compiute dall’ex presidente degli Stati Uniti avrebbero scatenato l’ira funesta dei media correct che infinite addusse banalità a tutti noi. Anni di indici puntati contro un irrituale presidente Usa, perfetto pungiball in assenza del vecchio nemico Silvio. Tutto finito, adesso il cielo è blu e l’arcobaleno Joe ci rallegra, a suon di veniali gaffe.

Eugenio Palazzini

 

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

7 Commenti

  1. Ormai è un rinco da fare interdire subito, specie in una situazione di crisi mondiale come questa. Power to Kamala che ha i controcazzi..

  2. Poveri USA, si ricorda ancora quando prendevano per i fondelli il mummificato vivente Breznev…

  3. Molti oligarchi russi sono double-face, inutile negarlo, viceversa quelli ucraini… facce di merda sicure.

Commenta