Herat, 7 nov – La missione Rs (Resolute support) è stata ridimensionata rispetto a Isaf (International security assistance force). I militari italiani adesso sono 900, a fronte degli oltre 4 mila di un tempo. I compiti principali dei nostri soldati impegnati in Afghanistan sono quelli di assistenza e addestramento delle forze armate e di Polizia afghane.

Eppure su Camp Arena, la base di Herat, si continua a volare per garantire la sicurezza dell’area. Non ci sono più scontri armati, nonostante i talebani continuino a tenere sotto scacco questo territori, ma l’impegno militare è costante, anche se ridimensionato. Ogni giorno dalla parte militare dell’aeroporto si levano in volo i Mangusta e gli NH90 della Task Force Fenice dell’Aviazione dell’Esercito.

Vi mostriamo in esclusiva un volo tattico fatto a bassissima quota, a una velocità di 250 km all’ora, dall’interno di un NH90. La giornalista Chiara Giannini era a bordo dell’elicottero, da cui i militari addetti agli armamenti osservano per individuare eventuali obiettivi da colpire in caso di attacco. Un video che mostra la professionalità dei nostri soldati.

Gemma Banti

 

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here