Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 4 set  – Ahmad Massoud si fa vivo sui social per ribadire che lui e i suoi uomini non si arrenderanno ai talebani: “Non rinunceremo alla lotta”.



Massoud: “Non rinunceremo alla lotta”

La necessità di ribadire questa ferma presa di posizione da parte di Massoud viene dalle voci che nelle ultime ore si sono rincorse circa una capitolazione del Panshir e una sua fuga in Tagikistan. “Non rinunceremo mai alla lotta”. “Non rinunceremo mai a lottare per Dio, libertà e giustizia”, scrive Massoud. “Il nostro popolo – assicura -non si stancherà mai di fidarsi di Dio e andrà avanti per costruire un Afghanistan prospero, libero e indipendente”. Il figlio del Leone del Panshir, Ahmad Shah Massoud, rimane coerente al suo messaggio di agosto in cui esortava i connazionali a non abbattersi per le vittorie talebane e li invitava ad unirsi ai suoi guerrieri per costruire un nuovo Afghanistan: “Siamo soli a resistere. Ma non cederemo mai”.

Black Brain

Ahmad Massoud: “Tutto è perduto? No”

“Noi, afghani, ci troviamo nella situazione in cui era l’Europa nel 1940. Siamo soli, a resistere. Non cederemo mai”: con queste le parole Ahmad Massoud, figlio del leggendario Leone del Panshir, il comandante Massoud e ora capo delle forze di resistenza afghana del Panshir scriveva l’appello (trasmesso da al magazine La Règle du Jeu, diretto dal filosofo Bernard-Henri Lévy) ai suoi connazionali. “Popolo afghano, Mujaheddin, amici della libertà ovunque nel mondo! La tirannia trionfa in Afghanistan. La schiavitù si instaura con chiasso e con furore. La vendetta odiosa si abbatterà sul nostro paese martire. Kabul già geme. La nostra patria è in catene. Tutto è perduto? No“, ribatte Massud. “Ho ricevuto in eredità da mio padre, l’eroe nazionale e comandante Massoud, la sua lotta per la libertà degli afghani. La sua guerra oramai è la mia. I miei compagni d’armi e io stesso daremo il nostro sangue, con tutti gli afghani liberi che rifiutano la schiavitù e che io esorto a raggiungermi nella nostra roccaforte del Panshir, ultima regione libera nel nostro paese in agonia”.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Ringrazi gli #USA inventori degli Stati Islamici basati sulla Sharia.

    Iran 1979 il primo creato pensando, da idioti e il tempo lo ha dimostrato, che gly Ayatollah avrebbero meglio perseguito gli interessi economici #USA meglio dello Stato Imperiale di Reza Pahlavi.

    Se non credete a me citofonate #CIA

Commenta