Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 31 ott – Sono sempre più le nazioni dell’Africa che utilizzano fonti rinnovabili per coprire il loro fabbisogno di energia. Questo è molto positivo perchè non solo l’elettricità prodotta aumenta le loro possibilità di sviluppo, ma questo avviene anche nel rispetto dell’ambiente. L’ultimo esempio in tal senso viene dal sud del continentee, dove Namibia e Botswana stanno collaborando con l’agenzia americana Power Africa alla costruzione di centrali solari per un totale di capacità installata pari a cinquemila megawatt.

Obiettivo ridurre le importazioni

Al momento entrambe le nazioni importano elettricità dal Sudafrica, ma questo non è sostenibile non solo perchè la società statale sudafricana Eskom ha centrali a carbone molto inquinanti, ma anche perchè la sua cattiva gestione causa frequenti blackout e questo crea grossi problemi ai due paesi, visto che disincentiva potenziali imprenditori ad investire.

Sia Botswana che Namibia hanno enormi potenzialità per quanto riguarda la produzione di energia solare, è quindi del tutto naturale che puntino al solare per coprire il loro fabbisogno di energia. Per tale motivo stanno lavorando con Power Africa per capire dove localizzare queste centrali solari e trovare la dimensione corretta.

La sfida del rinnovabile “made in Africa”

Una volta costruite, queste centrali produrranno abbastanza energia non solo per coprire le necessità di Botswana e Namibia, ma anche per esportare elettricità nelle nazioni vicine, fornendo loro un’addizionale fonte di guadagno di valuta pregiata.

Il progetto è particolarmente importante per la Namibia, visto che importa il 60% dell’elettricità che consuma: già in passato ha costruito centrali eoliche per produrre in loco una quota maggiore di energia, ma adesso vuole fare di più e questo spiega l’interesse del governo.

Quanto a Power Africa, si tratta di un’agenzia americana che ha come scopo quello di aiutare le nazioni africane ad aumentare la produzione di energia elettrica cos’ da accelerare il loro sviluppo. Dal 2013 ha finanziato progetti che hanno permesso di produrre 11mila megawattora di energia.

Giuseppe De Santis

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

  1. ma la Namibia è stata colonia tedesca e ancor oggi vi risiedono tedeschi… un po’ della loro efficienza dev’esserci rimasta

Commenta