Il Primato Nazionale mensile in edicola

Roma, 9 gen – La favola dell’uccellino raccontata da Terence Hill nel film di Sergio Leone “Il mio nome è Nessuno” la conoscono un po’ tutti: parafrasandone solo la morale, non sempre chi ci mette nei guai lo fa per il nostro male, ma soprattutto, non sempre chi ci risolve un problema lo fa per il nostro bene. Questa storiella andrebbe tenuta ben salda in mente anche quando si pensa alle nuove tecnologie, soprattutto quando queste sono applicabili in un ambito sensibile ai desideri del capitalismo come quello del lavoro. Prendiamo l’esempio di HAL, così chiamata proprio in omaggio all’intelligenza artificiale che in altro film – il capolavoro di Stanley Kubrick “2001 Odissea nello spazio” – passa dall’assistere il protagonista umano nella propria missione al tentare di ucciderlo.

L’HAL dei giorni nostri, che sta per Hybrid Assistive Limb, ovvero “Arto Assistente Ibrido”, è una tuta esoscheletrica motorizzata, volta a sostenere un individuo proprio come uno scheletro esterno. L’ha sviluppata l’università giapponese di Tsukuba, per assolvere a molteplici funzioni. Progettata nel 2011 per espandere le capacità motorie, in particolare delle persone disabili, dal 2012 è sul mercato ed è stata utilizzata in vari ambiti che vanno dalle costruzioni edilizie al soccorso in caso di catastrofi, dalle applicazioni militari alle riabilitazioni ospedaliere di lungo termine. Oltre, naturalmente, all’obiettivo primario di far tornare a camminare moltissimi pazienti con mobilità ridotta in modo parziale o totale.

Un lavoro infinito

Ma dove si ricongiunge questa storia di tecnologia che aiuta gli umani con la fiaba dell’uccellino che viene estratto dallo sterco solo per essere divorato? Bisogna ricordare che il Giappone detiene un record mondiale per la popolazione più anziana. Nel 2015 gli over 65 (odierna età della pensione per i lavoratori nipponici) rappresentavano già più di un quarto della popolazione, e le previsioni indicano che potrebbero arrivare al 40% nel 2060. Per far fronte a questo rapporto in costante diminuzione tra lavoratori attivi e pensionati, il governo sembra indirizzarsi verso l’innalzamento a 70 anni dell’età pensionabile.

Ecco quindi il fiorire del mercato degli esoscheletri, che passano dall’essere appannaggio di super-soldati e persone diversamente abili a necessario supporto per gli anziani, obbligati a trascorrere più tempo nei ranghi della forza lavoro: indossati come uno zaino, quelli disponibili per l’equivalente di “soli” 1300 dollari possono alzare pesi fino a 25 kg, e consentire lavori pesanti anche a chi non avrebbe più la fibra muscolare per farlo naturalmente.

All’alba del nuovo decennio dunque, il cyborg non è più l’immagine cinematografica del combattente di fantascientifiche guerre spaziali future, ma un nonno che non può permettersi di smettere di lavorare. Ora, indovinate qual è il secondo Paese più “vecchio” al mondo?

Alice Battaglia

4 Commenti

  1. Che bello!
    Un cyborg per tutti ed aboliamo la pensione.
    Ed aboliamo anche l’inps, visto che vi troviamo.
    Risparmiamo soldi ed aumentiamo gli stipendi.
    Tanto c’è cyborg.
    Evviva cyborg

  2. Se tutti avessero il coraggio di aprire una Partita Iva e fare qualcosa il Capitalismo degradato come lo conosciamo oggi scomparirebbe e siccome il cerchio è rotondo ci si aggancerebbe ad un nuovo tipo di Socialismo,almeno finirebbero anche queste finissime torture psicologiche che ti portano anche alla morte e che il Capitalismo di oggi fa’ sfacciattamente

  3. Si si aboliamo tutto . . Lavorare . . Lavorare . . E lavorare . . Ma poi per cosa ? ? Per niente non è vero . . Per molti si lavora . . Cioè quanti ci governano . . Per tanti lavoriamo . . E mentre noi si lavora . . Loro comprano case . . E vendono case . . Vanno nei ristoranti e mangiano molto bene . . E non solo CIBO . . Anche i nostri conti correnti . . Almeno quelli che ancora lo hanno . . Ma andiamo avanti . . Perché non lavorare fino alla morte . . Dai . . Che bello vedere un giovane che si droga perché non fa nulla . . Non ha progetti . . Non può fare progetti . . Ma dai che bello . . . E poi sai che bello a 90 anni fare il camionista . . Oppure il muratore . . O magari il fabbro . . Tanto i nipoti cresceranno da soli . . Senza nonni . . Si si una vita così spero . . Che bello . . Le donne tutte disponibili e per tutti . . Anzi facciamole lavorare senza soldi e che la diano a tutti . . Insomma dai . . E che diamine . . Tutti scambisti . . Gay e non . . Una ammucchiata per bene . . Ma perché no . . Perché una vita così non può essere . ? ? ? Che bello che sarebbe . . Ma su italiani . . Dai svegliatevi . . Siate drogati e interessati solo alla tv di oggi . . Con la durso o la Maria de Filippi . . Che fanno la migliore televisione . . Mai vista . . Insomma che momento che abbiamo aspettato e visto in questi ultimi tempi . . Ultimi 20/30 anni . . Andiamo avanti così che sarà sempre più bello . .

    ITALIANI DEFICIENTI . . AMMAZZATEVI TUTTI CHE SIAMO UNA MASSA DI IGNORANTI E QUELLI CI PRENDONO PER IL CULO DALLA MATTINA ALLA SERA . .

    VORREI NON ESSERE NATO ITALIANO . . MAGARI IN ALTRI PAESI NON SARANNO ROSE E FIORI MA UN POPOLO COSÌ NON SO NEMMENO SE CLASSIFICARLO DEL TERZO O DECIMO MONDO . .

    AUGURI A TUTTI PER UNO SCHIAVISMO SEMPRE PIÙ FITTO E DENSO DI COGLIONI CHE OGNI GIORNO ME COMPRESO SI ALZANO AL MATTINO E VANNO A LAVORARE .

Commenta