Il Primato Nazionale mensile in edicola

Melbourne, 14 gen – Joe è un piccione viaggiatore che ha attraversato la bellezza di 13 mila chilometri dell’Oceano Pacifico, volando dagli Stati Uniti all’Australia. Ma ora, a causa delle rigide regole che tutelano l’ecosistema australiano, rischia la soppressione.



Joe il piccione contro l’Australia

Per le autorità sanitarie australiane Joe il piccione è infatti una vera e propria minaccia per gli animali e si sta contemplando l’idea di ucciderlo. Kevin Celli-Bird è il primo ad aver accolto Joe in casa sua, dopo ave scoperto l’uccello completamente esausto nel cortile di casa sua a Melbourne il 26 dicembre scorso. Il piccione era scomparso da una gara che si era svolta negli Usa, in Oregon, il 29 ottobre. Secondo gli esperti, Joe potrebbe aver viaggiato a bordo di una nave cargo, quindi non avrebbe fatto tutto da solo.

Black Brain

“Non riesco a prenderlo”

Se Joe dopo questa avventura è diventato un cocco dei media australiani purtroppo è attenzionato anche dalle autorità. Il signor Celli-Bird ha detto che le autorità di quarantena lo hanno chiamato giovedì per chiedergli di catturarlo: “Dicono che se viene dall’America sono preoccupati che l’uccello possa portare malattie e volevano sapere se potevo aiutarli.” “Francamente” confessa l’uomo “Non riesco a prenderlo. Arrivo a pochi millimetri da lui ma lui scappa”. Ora le autorità stanno pensando a sguinzagliare un professionista per acciuffare Joe.

E’ originario dell’Alabama

Il Ministero dell’Agricoltura australiano ha dichiarato che il piccione non ha “il permesso di rimanere in Australia” perché “può compromettere la sicurezza alimentare del Paese e le popolazioni di uccelli selvatici autoctone” e “Pone un rischio diretto di biosicurezza per la vita degli uccelli australiani e per la nostra industria del pollame.”  “È arrivato a casa nostra il giorno di Santo Stefano. Ho una fontana nel cortile e si è messo a bere e a lavarsi. Era piuttosto emaciato, così ho sbriciolato un biscotto e l’ho lasciato lì fuori per lui” dice Kevin “Il giorno dopo, è tornato e allora sono uscito, era abbastanza debole e non sembrava avere così paura di me così mi sono avvicinato e ho visto che aveva una fascetta blu sulla gamba. Ovviamente appartiene a qualcuno”. L’American Racing Pigeon Union, con sede in Oklahoma, ha confermato che Joe risultava di proprietà di uomo di Montgomery in Alabama.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

1 commento

Commenta