Roma, 17 apr – Un immigrato irregolare algerino ha vinto 250mila euro con un gratta e vinci da 5 euro a Zeebrugge, in Belgio. Chiedendo al proprietario del locale di riscattare la vincita, ha scoperto che per somme così grandi bisogna rivolgersi alla sede principale della lotteria nazionale, che ha risposto picche: il 28enne nordafricano infatti è immigrato irregolarmente in Belgio. Non ha i documenti d’identità e non ha la residenza nel Paese. Senza questi requisiti non può aprire un conto corrente belga, senza il quale non può riscattare la vincita.

Belgio, immigrato irregolare marocchino vince 250mila euro al gratta e vinci ma non può incassarli

L’uomo, la cui identità è protetta dalle autorità, dopo la brutta notizia di non poter incassare i soldi era scomparso. Dopo qualche giorno tre diverse persone si erano presentate negli uffici della lotteria nazionale con il biglietto vincente. Non corrispondendo all’identikit che era stato fatto del vincitore, i tre sono stati arrestati. L’uomo si è poi presentato in commissariato con un avvocato e ha raccontato la sua storia alla polizia. Aveva cercato di aggirare le regole chiedendo ad alcuni amici di riscuotere il premio al posto suo. A quel punto i tre sono stati rilasciati, ma per l’irregolare marocchino il problema rimane.

L’avvocato spiega che sta cercando di far arrivare i documenti dell’immigrato dall’Algeria

“Stiamo cercando di far arrivare i suoi documenti dall’Algeria”, ha detto il suo avvocato all’agenzia di stampa France Press. Nel frattempo il biglietto è conservato nel tribunale di Bruges, a pochi chilometri dal porto di Zeebrugge dove è stato acquistato. L’uomo era partito dall’Algeria quattro mesi prima, arrivando in barca in Spagna, poi attraversando il Paese iberico e la Francia, fino a giungere in Belgio. Da lì l’obiettivo era arrivare nel Regno Unito. Ora però spera di potersi spendere i soldi della vincita. “Quando riceverò i soldi, comprerò una casa in cui vivere a Bruxelles. E magari un’auto“, ha detto al quotidiano belga Het Laatste Nieuws. “E magari pure una moglie“, ha aggiunto al quotidiano The Brussels Times. Sempre se riuscirà ad intascare i soldi.

Ludovica Colli

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

3 Commenti

Commenta