Roma, 22 giu – Sale la tensione tra Russia e Lituania dopo il parziale blocco al transito delle merci nell’exclave di Kaliningrad. Citata dalla Tass, la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha avvertito oggi il governo di Vilnius che la risposta di Mosca “non sarà diplomatica”. E che “le opzioni (le possibili ritorsioni, ndr) sono in fase di studio a livello di agenzie”. Questo perché, secondo la portavoce di Lavrov, la Lituania “sta agendo in modo aggressivo ed è andata oltre le linee ostili”.

Blocco Kaliningrad, la risposta “non diplomatica” della Russia

E’ improbabile, nonostante l’alta tensione in atto, che la Russia decida di intervenire militarmente contro una nazione membra di Nato e Unione europea. E’ però altrettanto chiaro che una forma di “rappresaglia” concreta verrà scatenata, per non restare a guardare subendo passivamente. Possibile che Mosca opti per ritorsioni economiche o legate specificatamente ai mezzi di trasporto nell’area coinvolta dalle restrizioni commerciali attuate dalla Lituania. “Vorrei attirare la vostra attenzione sul fatto che non si tratta solo di consegne dalla Russia al territorio dei Paesi dell’Ue. Si tratta di consegne in transito attraverso il territorio dell’Unione europea” e dirette verso “varie regioni del mondo”, ha detto poi Zakharova.

Zakharova: “Le conseguenze arriveranno”

“Un paese dell’Occidente, un Paese che è membro della Nato, un Paese che è membro di tutti i consessi euro-atlantici crea ulteriori difficoltà” proprio quando “questa stessa comunità incolpa un Paese che non ha nulla a che fare con il problema della sicurezza alimentare”, ha aggiunto la portavoce del ministero degli Esteri russo. Dunque, a questo punto, il governo di Vilnius “dovrebbe comprendere la gravità delle conseguenze del divieto di transito ferroviario di merci importate dalle regioni russe nella regione di Kaliningrad”. E deve comprendere pure che “le conseguenze, sfortunatamente, arriveranno”, ha chiosato Zakharova.

Alessandro Della Guglia

Ti è piaciuto l’articolo?
Ogni riga che scriviamo è frutto dell’impegno e della passione di una testata che non ha né padrini né padroni.
Il Primato Nazionale è infatti una voce libera e indipendente. Ma libertà e indipendenza hanno un costo.
Aiutaci a proseguire il nostro lavoro attraverso un abbonamento o una donazione.

 

La tua mail per essere sempre aggiornato

2 Commenti

  1. Un plauso all’autore e in generale alla testata. Correttamente indicano Kaliningrad come “exclave” , mentre in altri siti di quotidiani blasonati, i giornalisti stagisti amici di amici scrivono a vanvera “enclave”

Commenta