Brasilia, 6 ott – Nulla sembra frenare l’ascesa di Jair Bolsonaro. Il candidato presidente dell’estrema destra brasiliana cresce nei sondaggi. A dirlo è Datafolha che ieri, a due giorni dalle elezioni, ha reso noti i numeri del gradimento verso i candidati. Bolsonaro raggiunge infatti il 35% (crescendo di 3 punti), mentre Fernando Haddad, l’erede di Lula, resta fermo al 22% (aumentando di un solo punto).

Stando a quanto espresso dai brasiliani, tutto depone a favore di Bolsonaro. Notizia che inquieta l’universo mainstream: il Guardian parla infatti di “pericolo per la democrazia”, mentre i più sono (loro malgrado) costretti a misurare “la febbre brasiliana che cresce per Jair Bolsonaro”. Populista e conservatore, durante un suo comizio del 7 settembre a Juiz de Fora (Minas Gerais) è stato accoltellato all’addome e potrebbe non presenziare all’ultimo confronto pubblico fra candidati causa convalescenza postoperatoria.

Definito il “Trump brasiliano”, il 63enne candidato presidente vanta un seguito sui social davvero rilevante. Leader forte, carismatico e intransigente, fa della lotta alla criminalità un suo baluardo. A favore della riduzione dei controlli sul possesso d’armi, è contrario all’aborto, all’estensione dei diritti per gli omosessuali e promette di risolvere i problemi legati all’alto tasso di corruzione. Impensabile, fino a poco tempo fa, che il Brasile potesse virare decisamente a destra: è evidente che il clima politico stia cambiando. E non solo in Europa. Il primo turno delle elezioni presidenziali si terrà il 7 ottobre. Seguito dal ballottaggio (due settimane dopo) tra i due candidati più votati. Alle urne, dunque, l’ardua sentenza.

Chiara Soldani

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here