Roma, 10 apr – Dopo le accuse di razzismo e il conseguente boicottaggio nei confronti di Dolce & Gabbana da parte della Cina, che tra l’altro ha causato gravi perdite economiche alla casa di moda italiana, adesso nella bufera è finito Burger King.

La nota catena di fast food è stata definita “culturalmente insensibile” per aver pubblicato, sul proprio account Instagram, uno spot in cui presenta un panino dal “sapore vietnamita”, in cui alcuni occidentali cercano goffamente e senza successo di mangiarlo utilizzando delle bacchette.

Di qui la ridda di polemiche scatenata da alcuni utenti, a cui non è piaciuta l’ironia e hanno fatto notare come la pubblicità in questione rappresenta una banalizzazione della cultura asiatica. Burger King ha così rimosso lo spot, temendo evidentemente pesanti contraccolpi nel mercato asiatico. La compagnia americana è infatti la seconda catena di fast food in Thailandia e in Indonesia e vorrebbe aprire altre mille sedi in Cina.

Alessandro Della Guglia

1 commento

Commenta