Il Primato Nazionale mensile in edicola

Pechino, 11 dic – C’è una nuova “moda” che prende piede in Cina tra le donne ricche non sposate, ed è quella di acquistare lo sperma di europei (preferibilmente nord europei) in modo che i loro figli abbiano caratteristiche caucasiche.



Le scelte sul sito web

Secondo quanto riferisce il South China Morning Post, alle donne non sposate in Cina è in gran parte vietato l’accesso alle banche dello sperma e al trattamento di fecondazione in vitro, e la cosa le costringe a cercare opzioni all’estero. Una di queste donne, Xiaogunzhu, ha fatto la sua scelta sul sito Web di una banca del seme californiana ed è volata negli Stati Uniti per iniziare i primi round di trattamento.

“Padre? Non necessario”

Il suo bambino ora ha nove mesi: si chiama Oscar, in onore di Lady Oscar per rendere omaggio alle origini francesi del donatore. Xiaogunzhu crede che un padre non sia necessario. “Perché tutti pensano che i bambini ci chiederanno: ‘Perché non ho un padre?‘” si chiede. Gli analisti prevedono che il mercato totale in Cina per i servizi di fertilità raggiungerà 1,5 miliardi di dollari nel 2022, più del doppio del valore del 2016.

Un costo oneroso

Ad esempio, la banca danese di sperma e uova Cryos International ha creato un sito web cinese e assunto personale di lingua cinese. Il costo di concepire un bambino attraverso una banca del seme inizia a 200.000 yuan (circa venticinquemila euro). Le donne devono fare diversi viaggi all’estero per le procedure mediche, poiché la legge cinese vieta l’importazione di sperma umano.

“Le cinesi scelgono i bianchi”

Peter Reeslev, CEO di Cryos International, ha affermato che, date le scelte extra, “Le donne cinesi tendono a scegliere donatori caucasici”. Reeslev ha affermato che una possibile ragione è che le banche dello sperma al di fuori della Cina hanno meno donatori cinesi.”Fondamentalmente, i donatori di sperma selezionati sono principalmente bianchi“, ha detto Xi Hao, coordinatore clinico di Pechino che aiuta le clienti cinesi ad accedere alla clinica per la fertilità in California.

Zhan Yingying, co-fondatrice dell’organizzazione Diversity Family, ha affermato che è raro incontrare una madre che ha scelto un donatore di sperma di etnia cinese. Tratti come gli occhi grandi e la pelle diafana sono ambiti secondo gli standard di bellezza cinesi. “Per il piccolo Oscar, Xiaogunzhu ha affermato che la personalità è stata il fattore principale nella sua decisione, ma sul suo blog Weibo, le foto di Oscar con l’hashtag #bambinodirazzamista sono quelle che attirano più like.

Ilaria Paoletti

Pivert casual italian brand

La tua mail per essere sempre aggiornato

8 Commenti

  1. Cosa diciamo adesso? Che le cinesi sono razziste, o ciascuno può scegliere il seme che vuole?
    Facciamo la dittatura anti-razzista?!?! La demenza è entrata nel binario morto…

  2. Per gettare tutto quel denaro non farebbero prima a farsi una bella vacanza in Italia? Prenderebbero due piccioni con una “fava” visitando le nostre meraviglie architettoniche e di nostro belpaese gustando cibo squisito e ricevendo attenzioni dolcissime

  3. Cinesi, africani e indiani veramente andrebbero sterilizzati, la crescita demografica è fuori controllo e loro si riproducono come topi…. siamo in troppi!!! a breve mancheranno le risorse alimentari e idriche e per sopperire aumenterà l’inquinamento. un circolo vizioso per l’auto distruzoine.

Commenta