Il Primato Nazionale mensile in edicola

Londra, 16 giu – Anche i Coco Pops sono razzisti. Perché? Perché sono neri e hanno una scimmia come simbolo. Si chiama Coco the Monkey, e noi tutti l’abbiamo sempre vista senza attribuirle particolarità “razziali”. Ma di questi tempi tutto è sospetto, e i cereali sono stati criticati dall‘ex deputato laburista Fiona Onasanya, che ha scritto alla Kellogg chiedendo perché hanno scelto quell’animale per rappresentare il cereale al cioccolato quando invece, ad esempio, i Rice Krispies hanno come mascotte “tre ragazzi bianchi”.

La mail alla Kellogg “razzista”

La Onasanya, che è stata in carcere per tre mesi nel gennaio 2019 dopo essere stata condannata per aver discusso con la polizia dopo essere stata fermata per eccesso di velocità,  sostiene che c’è una differenza sospetta tra i Coco Pops e il marchio dei Rice Krispies (sempre della Kellogs) in merito al loro colore e sapore. L’ex deputato di Peterborough ha rivelato di aver inviato per e-mail l’ufficio della Kellogg nel Regno Unito per avere delucidazioni sul perché i Rice Krispies abbiano “tre ragazzi bianchi” come mascotte, mentre i Coco Pops al cioccolato sono rappresentati da una scimmia.

“Perché i Coco Pops hanno una scimmia”

Ha scritto anche su Twitter: “KelloggsUK, poiché non avete ancora risposto alla mia e-mail – Coco Pops e Rice Krispies hanno la stessa composizione (tranne per il fatto che i CP sono marroni e al cioccolato) … Quindi mi chiedevo perché Rice Krispies hanno tre ragazzi bianchi che rappresentano il marchio e invece i Coco Pops hanno una scimmia?”. Diversi utenti dei social media hanno preso in giro la domanda della Onasanya, accusandola di essere “offesa da tutto”. Uno ha detto: “La scimmia si chiama Coco. Rimuovi la scimmia e si chiamano semplicemente pop“.

“Messaggi subliminali …”

Altri utenti di Twitter si sono schierati dalla parte di Onasanya. Uno ha scritto: “Si chiama messaggistica subliminale nella pubblicità. Ho scritto un articolo su questo in pubblicità e marketing”.  L’ex deputata in seguito ha twittato: “Bene, dato che John Harvey Kellogg ha co-fondato la Race Betterment Foundation (lo scopo principale della Fondazione era di  curare la “degenerazione della razza”), mi sarebbe dispiaciuto non chiedere …”. Un portavoce della Kellogg ha dichiarato al MailOnline: “È importante parlare di più su come possiamo costruire l’uguaglianza razziale. Kellogg sostiene la comunità nera”. E ancora: “La mascotte della scimmia che appare su Coco Pops sia bianca che al cioccolato al latte, è stata creata negli anni ’80 per evidenziare la personalità giocosa del marchio”. Dunque, finisce qua la polemica, dato che la scimmia è mascotte anche di quelli non …. “neri”. 

Ilaria Paoletti

7 Commenti

  1. Hahahahahaha
    🐒🐒🐒🐒🐒🐒🐒🐒🐒
    Allora anche lo spot dell’analcolico famoso, quello con il gorilla…. 🦍

  2. Giova alle elites dominanti dividere ulteriormente i popoli anche in base alle razze.Hanno già promosso immigrazioni enormi di musulmani in paesi cristiani che creeranno enormi conflitti e spesso hanno creato artificialmente divisioni poltitiche e culturali.Ci vogliono divisi per schiavizzarci meglio e renderci tutti come in Cina, individui senza diritti e sotto una dittatura

  3. Perché? Per dare l’occasione a questa demented di mostrare al mondo quanto si può essere stupidamente deviati e paranoici…

  4. Ma io chiedo a questa qui… Lei si identifica come essere umano oppure come scimmia? È tutto pretestuoso…

  5. La scimmia della pubblicità ha l’aria
    simpatica , quella nella foto di fianco …
    pare proprio “stronza” .

  6. Egregio “Stefano” le segnalo che in USA , non
    potendo usare “la parola con la N” … NEGRO o NIGGER …. si sono inventati SCIMMIE come sinonimo …..
    Se pensa che persino i compassati svizzeri
    della Migros non vendono più i MORETTI …..

    Per insultare il suscettibile Balo … i tifosi della
    Beneamata andarono allo stadio muniti
    di banane ….

Commenta