farmaciaAtene, 3 dic – L’Unione Europea ha chiesto alla Grecia di contenere la spesa pubblica entro la soglia del 6% del PIL. Atene ha solertemente risposto ai diktat dell’UE tagliando la spesa pubblica in ogni settore, compreso quello della sanità. Il budget della sanità è stato così dimezzato (passando da circa 4 mld a poco più di 2), decine di ospedali sono stati chiusi, centinaia di dipendenti qualificati licenziati e migliaia di malati abbandonati.

Curarsi in Grecia è diventato, così, un privilegio per pochi. La mortalità infantile ha subito un incremento del 43% rispetto al periodo antecedente i tagli, l’HIV dilaga incontrollato a causa della mancata distribuzione di preservativi e siringhe e si stima che circa 15.000 pazienti malati di cancro siano morti non a causa della malattia che gli affliggeva ma perchè non potevano più permettersi di curarsi.

Ecco il vero volto dell’Unione Europea: povertà, disperazione e morte. Si calcola che il 70% dei greci non possa più acquistare i medicinali prescritti e quindi il già spaventoso numero di suicidi potrebbe aumentare: l’eutanasia fai da te in alcuni centri urbani è diventata una triste prassi.

Sempre per colpa dell’austerity sono aumentati gli omicidi ( + 25%) e i casi di malnutrizione. L’Atene di oggi è lo spettro di quella che era ai tempi dell’olimpiade del 2004, quartieri bui e sporchi, microcriminalità dilagante, emergenza abitativa.

A poco più di 20 giorni dal voto che potrebbe decidere le sorti del popolo greco, la Toika fa pressioni ai partiti “responsabili” (di destra e sinistra), affinché la Grecia non abbandoni la strada dell’austerity. Dove vogliono arrivare i burocrati di Bruxelles? Davvero la stabilità dei mercati e le speculazioni finanziarie valgono più della vita di migliaia di persone?

Tutti ormai sanno che la ricetta della Troika ha fallito, che l’Unione Europea oggi non ha più senso di esistere e che i popoli devono riprendersi in mano il loro futuro. Lo sanno quasi tutti, ma non Tsipras, eroe della sinistra arcobaleno, che probabilmente vincerà le elezioni del 25 gennaio e che ha già garantito che “La Grecia non uscirà dall’Euro”. I greci continueranno a morire, e poi potrebbe toccare a noi.

Federico Depetris

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here