lainfo.es-9400-irak2Baghdad, 27 Mag – Secondo quanto diffuso dalla televisione di Stato irachena al-Iraquiya, le forze governative dell’Iraq si preparano a liberare il governatorato di Anbar, confinante con Siria, Giordania e Arabia Saudita, dalle milizie jihadiste dell’Isis, in concomitanza con la controffensiva di Assad per riprendere a tutti i costi il territorio di Palmira. Le forze irachene hanno raggiunto Ramadi, capoluogo dell’Anbar, caduto in mano all’Isis il 17 maggio scorso.

Anche il vicino Iran non resta a guardare: il ministro dell’Interno Abdolreza Rahmani- Fazli ha dichiarato che nel caso in cui il Califfato si avvicinerà alla frontiera iraniana entro i 40 km, il Paese sarà costretto a intervenire. Il 24 Maggio, un parlamentare iraniano ha chiesto l’aumento del bilancio da destinare alle forze armate, d’accordo con Ahmad-Reza Pourdastan, Comandante delle forze armate di terra.

Principale protagonista di questa controffensiva irachena è la milizia sciita Hashid Shaabi (Commissione di mobilitazione popolare), il cui portavoce, Ahmed al-Assadi, dichiara: “Abbiamo 4000 combattenti. Questi uomini combattono al nostro fianco da otto-nove mesi. Adesso rappresentano una parte essenziale della battaglia. Credo che la liberazione della provincia di Al Anbar e della sua capitale, Ramadi, non richiederà molto tempo”. Hashid Shaabi sta aumentando la sua influenza nel determinare il futuro dell’Iraq e in questo gruppo sono confluite dozzine di organizzazioni paramilitari che guardano all’Iran come principale alleato nella lotta al Califfato islamico.

Questa operazione di riconquista è stata chiamata, con forte connotazione religiosa, “Labeyk Ya Husayn” (“Siamo al tuo servizio, Husayn”), in riferimento al terzo imam della dottrina sciita al-Husayn ibn Ali. Molti di questi miliziani hanno seguito la chiamata alle armi del leader religioso iracheno Grand Ayatollah Ali al-Sistani, ma come punto di riferimento per la loro decisione di combattere in difesa dell’Iraq c’è anche Ali Khamenei, Guida Suprema dell’Iran.

Siria, Iraq e Iran si stanno mobilitando su un unico fronte: quello della difesa del proprio territorio, fino alla fine.

Ada Oppedisano

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam.
Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here